lunedì 16 gennaio 2017

Zootropolis (2016)

Animali feroci e prede possono convivere pacificamente o è pura (Zoo)topia? A quanto sembra nella metropoli di Zootropolis (film d'animazione del 2016 prodotto dai Walt Disney Animation Studios e diretto da Byron Howard e Rich Moore, vincitore pochi giorni fa del Golden Globe 2017) tutto è possibile anche perché, come ci spiega nella introduzione a teatro la protagonista, non esistono più le belve e le vittime di un tempo nel mondo animale. O forse no? Cosa sta succedendo al 10% della popolazione, composta da predatori, che improvvisamente sentono risvegliarsi dentro di loro l'antico e sopito spirito selvaggio? Come nella migliore tradizione dei Cartoon Disney anche questa volta non tutto è ciò che sembra, i pregiudizi e i preconcetti sono sbagliati, e tutti abbiamo diritto ad una possibilità di cambiare noi stessi e soprattutto quello che il mondo crede di noi. Cosi' una tenera coniglietta potrà realizzare il sogno della sua vita e diventare poliziotta attorniata da colleghi mastodontici come rinoceronti, elefanti, bufali, e più grande sei, più il poliziotto fai. Una furba volpe ingannatrice, rivelarsi un animale onesto e sensibile, solo vittima dei pregiudizi che gli altri hanno su di lei. Una impaurita e timida pecorella essere tutto il contrario di ciò che sembra. Tutti più o meno logorati però da un orribile pregiudizio, soprattutto i predatori. Perché alla fine è questo il problema di fondo affrontato da questo meraviglioso film della Disney, l'utopia, che è pur sempre un sogno difficile da realizzare, ancora più difficile è far sì che gli elementi che la caratterizzano risultino stabili. Il pregiudizio è quel seme cattivo che purtroppo giace all'interno delle persone (in questo caso degli animali) che non sanno apprezzare la bellezza della diversità, che non riescono ad accettare il fatto che, nonostante l'esistenza delle specie, il genere rimane pur sempre lo stesso. E inaspettatamente toccherà proprio a loro, la coniglietta e la volpe, nemici per natura ma amici nel cuore, risolvere il mistero dei 14 animali scomparsi che tutta la città sta cercando e sventare i piani di chi vuole impossessarsi del potere locale, secondo l'atavico principio divide et impera. E infine dimostrare che l'amicizia non ha colore né taglie e che tutti possiamo essere e fare ciò che nessuno si aspetterebbe da noi.

Il film mi è piaciuto davvero tanto, forse perché palesemente prodotto da mani esperte e piuttosto scaltre, ma Zootropolis non ha solo una trama coinvolgente con due colpi di scena perfetti per i grandi o tanti personaggi buffi e divertenti anche per i piccoli (su tutti il bradipo, il ghepardo ciccione e lo gnu fumato sono veramente divertenti), ha dalla sua questo e molto di più, ha ritmo, musica, azione, suspense, risate e invenzioni, praticamente il meglio che si potrebbe desiderare. Sin dal primo secondo infatti, lo spettatore rimarrà pietrificato e divertito. Troveremo e troviamo tante cose all'interno di Zootropolis, dai rimandi a Il Padrino e alla serie TV Breaking Bad, a particolari visivi tanto minuscoli quanto geniali, per citarne qualcuno, la pop-star Gazelle (doppiata da Shakira, a proposito bella la colonna sonora) e l'i-Phone, con il logo di una carota morsicato. Come con il, comunque recente Inside Out, è commovente poi notare l'infinita cura e amore che gli animatori hanno riposto nelle proprie creature. Anche i temi adulti quali crescita, formazione, maturazione, diversità (etnica e non solo) e responsabilità vengono affrontati in contemporanea di gag spassose e (talvolta) infantili, appassionando così grandi e piccini. Sono molte le sequenze nelle quali si respira un'aria di razzismo e politica, situazioni perfettamente inserite nello scenario, con l'intento di suscitare punti di riflessione non sottovalutabili, specie se pensiamo alla natura dell'opera animata in questione, per lo più, destinata ad un pubblico più piccolo. Comunque, a parte l'animazione, perfetta come sempre, come detto in precedenza, il film si avvale soprattutto di una sceneggiatura ingegnosa, ricca di invenzioni memorabili e colpi di scena inaspettati, in un connubio perfetto tra giallo e commedia, e di caratterizzazioni riuscitissime, sia per i protagonisti che per i comprimari. Anche la scelta di non far comparire, per una volta, esseri umani mi è piaciuta molto, il fatto che siano presenti solo animali antropomorfizzati permette difatti di assegnare ad ogni animale un tratto caratteriale specifico, che risulta più evidente ma che i personaggi della storia sapranno talvolta smentire. Infatti, tra i temi del film c'è anche quello dell'apparenza che inganna, i personaggi non sempre si rivelano ciò che sembrano, come Nick o Mr. Big.

Altri temi trattati sono l'autodeterminazione, viene detto più volte che ognuno può essere ciò che vuole, e la discriminazione, particolarmente evidente dalle razze degli animali. Inoltre, ho notato che la Disney si sta modernizzando, poiché il film, come anche Big Hero 6, si svolge nella nostra epoca. E ciò permette di inserire tutta una serie di invenzioni geniali tratte dalla nostra vita quotidiana, già detto degli Smartphone con il logo di un ortaggio morsicato, no dell'App in cui si può ballare con la pop star Gazelle o della penna carota con registratore incorporato. Non manca poi un'autocitazione, in questo caso una brevissima inquadratura in cui vengono mostrati i recenti film della Disney in versione animale (e alcuni futuri). Insomma qualcosa di bello e incredibile, anche se Zootropolis in ogni caso non è tra i film più innovativi e originali della Disney. Ma il film è comunque bellissimo, soprattutto nel bilanciarsi benissimo tra mistero, azione, umorismo e sentimentalismo. La città com'è stata ideata e strutturata è divertente e intrigante, divisa in quartieri e sezioni ognuno con un proprio clima atmosferico dedicato alle specie del deserto, a quelle dei ghiacci o agli abitanti delle foreste pluviali, e strappa un sorriso la scena in cui la poliziotta Judy durante un inseguimento s'infila in quella che ha l'aria di essere una Little Italy dei roditori. Proprio per la creazione di un un mondo così diversificato e ben organizzato, forse avremmo addirittura voluto esplorare un po' di più i vari angoli della città con tutte le loro peculiarità piuttosto che passarci distrattamente attraverso per restare serratamente focalizzati sull'indagine.

Ma qualche scelta che non mi è piaciuta comunque c'è, per esempio il momento di abbattimento di Judy, in cui torna alla fattoria dei genitori e scopre un indizio fondamentale per risolvere il caso, scena secondo me troppo breve, e poi, sempre in quel passaggio, la ricomparsa della volpe che aveva ferito Judy da piccola, che si scusa con lei auto-psicanalizzandosi, a mio parere episodio esagerato e fuori luogo. Peccato poi che per la prima volta, penso, non abbiano tradotto le canzoni, sia il tema conduttore del film cantato da Shakira, sia gli spezzoni di brani ascoltati dalla protagonista alla radio nel suo appartamento, difficili da comprendere per i più piccoli o per chi non mastica l'inglese. Un'altra pecca è la divisione così semplicista tra prede e predatori e la pochezza di razze che vengono effettivamente presentate, infatti sembra strano ma vengono esclusi tanti animali che sono sia prede che predatori, a prescindere dall'aspetto (un serpente caccia un topolino e a sua volta può essere cacciato da un rapace, un uccellino mangia gli insetti e a sua volta può essere divorato), è quindi un pelo nell'uovo però non troppo sottile, dato che anche un bambino può notarlo, dal momento che la catena alimentare viene insegnata alle elementari. In ogni caso, i personaggi sono gradevoli, per quanto nessuno di loro s'innalza al di sopra degli altri per qualcosa di unico e per quanto alcuni sono abbastanza stereotipati come caratterizzazione del personaggio, come anche situazioni prevedibili o già viste (il protagonista e la sua spalla cadono nell'incomprensione, ma sappiamo si riconcilieranno, o l'inganno finale, nella scena del museo di storia naturale, abbastanza scontato). Insomma Zootropolis non è proprio un concentrato di originalità, anche per molti altri lati, ma ci sono anche elementi assolutamente godibili e divertenti e su alcune banalità (come i personaggi) ci si può anche passare sopra perché non sono tali da risultare irritanti. 

Ma ciò che veramente regge il film credo sia il concetto di fondo, la discussione sul razzismo, sulla diversità, ma non solo, il concetto cosiddetto di "civiltà" e di "evoluzione", non solo biologica ma anche morale, e l'uso politico che se ne fa per controllare le masse. Forse se la critica fosse stata meno sottile avrebbe bilanciato i vari aspetti troppo scontati del film, ma resta comunque un messaggio positivo soprattutto per un bambino (e non solo), perché non si accontenta di essere moralista o di dare giudizi a priori, si basa su dei fatti attuali e quotidiani e respira il clima di diffidenza che sta attraversando la società e che anche i più giovani possono percepire, capire e interpretare. "La vita è più complicata di una frase ad effetto" dice Judy (anche se.. non è una frase ad effetto questa?). Ma questo in ogni caso, è un lungometraggio le cui perle si trovano nei dettagli, sia grafici che di sceneggiatura, poiché comunque la trama (come puntualmente già ripetuto) non è certamente tra le più originali che esistano. Dal canto suo però (come anche è stato più volte detto) non si presenta mai banale ed è sviluppata da buoni personaggi, sia primari che di contorno, e avanza qualche colpo di scena interessante. Comunque buono il cast del doppiaggio italiano, nonostante siano presenti diversi nomi cinematograficamente discutibili. In conclusione, un film non perfetto ma davvero riuscito (Byron Howard e Rich Moore firmano un prodotto visivamente meraviglioso), che mostra come la Disney sappia affrontare senza problemi temi attuali, creando personaggi perfettamente sfaccettati ed elogiando ancora una volta, com'è giusto che sia, l'amicizia e la diversità. In definitiva quindi una vera rivelazione, non solo un'ottima opera d'intrattenimento ma anche un lungometraggio concettualmente molto intelligente, movente di acute riflessioni verso la nostra società contemporanea. Società dove, come a Zootropolis, ognuno può essere ciò che vuole, un luogo ove la convivenza, seppur ricercata continuamente, non sarà mai del tutto possibile. Ma non dobbiamo cedere alla paura, bisogna essere speranzosi sempre, ce lo dicono i nostri piccoli, straordinari amici antropomorfi. 7,5/10

22 commenti:

  1. Ciao! Questo film mi incuriosisce moltissimo :-) Credo proprio che lo andrò a vedere! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, sì tanto bello, non avrebbe vinto un Golden Globe se non fosse così meraviglioso ;)

      Elimina
  2. Film d'animazione molto molto bello, sicuramente una spanna sopra al tanto osannato Oceania di questo periodo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei dire, però in effetti questo è bellissimo ;)

      Elimina
  3. Me ne avevano già parlato bene. Ma a questo punto è imperdibile eh...:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti sono io, anzi, ora anche te, in ritardo, perché è da un anno che se ne parla, ma finalmente ci sono riuscito a vederlo e tutti più o meno avevano ragione poiché è davvero stupendo, quindi vedilo presto ;)

      Elimina
  4. A me è piaciuto moltissimo.
    Evoluzione positiva della Disney, speriamo continui così.
    Buon inizio settimana Pietro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, io spero che anche l'ultimo, Oceania, sia così bello ;)
      p.s. buon inizio settimana anche a te :)

      Elimina
  5. L'ho visto la notte di natale con mia sorella su sky. Davvero molto carino come ogni film della disney, la scena del bradipo mi ha fatto morire! Mi è piaciuto, anche se continuo sempre a preferire le principesse! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In compagnia è anche meglio, beh si la Disney è pur sempre la Disney :)
      Scena davvero fantastica, comunque chissà perché ma non avevo dubbi che le preferivi ;)

      Elimina
  6. Mi commuovo sempre Pietro quando vedo un cartone animato anche se questa terminologia non è molto indicata viste le nuove creature che si sono presentate in questi ultimi tempi.
    Mi commuovo anche se non c'è affatto bisogno di farlo e quindi li valuto attentamente, per no fare il solito piagnisteo irritante e fuori luogo
    Questa pellicola l'avevo trascurata, ma dopo la tua esauriente spiegazione , la vedrò sicuramente e sono certa non ne sarò delusa.
    Quanto abbiamo sempre da imparare dagli animali.
    Un abbraccio freddolosissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per una amante degli animali come te questo è proprio il film che fa parte anche se è solo un cartone animato, ma a volte sono proprio questi film a scuotere le coscienze o più semplicemente ad insegnare qualcosa di positivo a tutti, perciò son sicuro non rimarrai delusa ;)

      Elimina
  7. Film molto particolare, dai temi adulti e magari complessi per i bimbi ma sicuramente fondamentali.
    Mi è piaciuto molto e soprattutto ho adorato il character design di Nick, che mi ha ricordato tantissimo l'adorato Robin Hood!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è vero, ora che mi ci fai pensare, gli assomiglia tanto :)
      In effetti anche su questo hai ragione, tanto che la scelta della coniglietta come personaggio principale è stata una scelta saggia ma soprattutto vitale, grande intuizione ;)

      Elimina
  8. Gran bel film, gli avrei dato anche un voto più alto :) Molto più profondo del classico film per bambini, riesce a veicolare con intelligenza e divertimento temi anche complessi. Davvero notevole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente lo meritava ma non volevo alzare troppo l'asticella e comunque è solo uno dei primissimi film dell'anno anche se sarà difficile fare meglio in questo genere, e anche se in effetti è qualcosa di più che solo un film d'animazione perché infatti tocca molti temi importanti in modo eccellente ;)

      Elimina
  9. Lo considero il miglior Classico Disney degli ultimi 5 anni (te lo dice uno che ama alla follia "Big Hero 6" e "Ralph Spaccatutto"). E' davvero carico di significato ed emozioni... Lo considero una "meravigliosa utopia".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come classico Disney sicuramente sì, anche su quelli citati da te e anche rispetto a Frozen, questo è decisamente molto più straordinario e bello ;)
      In generale invece sarà difficile battere Inside out ;)

      Elimina
  10. Bellissimo film, secondo me uno dei migliori del 2016. È profondo, emozionante ma anche divertente!😊 Buona giornata Pietro!👋
    PS: adesso mi diletto anche in cucina 😂 soprattutto con i dolci che adoro, anch'io vada matta per il cioccolato!😋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di sicuro è al momento il migliore di quelli visti quest'anno da me, perché oltre a quello descritto anche da te è anche visivamente spettacolare ;)
      Buona giornata anche a te, e viva il cioccolato e pure i dolci :)

      Elimina
  11. Si vedeva dal trailer che aveva un grande potenziale infatti devo assolutamente trovare il tempo di vederlo, magari coi miei nipotini *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potenziale che stranamente non è stato neanche sfruttato in pieno, ma per questo e per tanto altro, e in ogni caso e di sicuro, se ancora non hanno visto, sicuramente piacerà a i tuoi nipoti ;)

      Elimina