giovedì 3 agosto 2017

Topolino, il mio passatempo estivo

Ne avevo già parlato un anno fa del mio rapporto con il mondo dei fumetti (qui), ma mai in quest'occasione come l'estate (e soprattutto le vacanze) in pieno divenire, è d'obbligo fare un piccolo elogio ad un fumetto, Topolino ovviamente, che soprattutto in questo periodo diveniva il mio passatempo preferito, non solo come metodo per passare il tempo (in casa, in spiaggia e in qualsiasi altro luogo) ma anche come mezzo di comunicazione al mondo della mia fantasia. Perché il mondo Disney e quello del fumetto più famoso in Italia, è sempre stato un mondo affascinante in cui viaggiare ed esplorare insieme a tutti gli strampalati ed egocentrici amici del Topo più conosciuto al mondo, gli angoli più fantasiosi e fantastici della mente. Poiché era un bellissimo tuffo nella fantasia, è tuttora invece uno straordinario tuffo nella nostalgia, oltre ovviamente a quello della fantasia e del divertimento. Certo, Topolino non è mica l'unico fumetto con cui "dialogare" con questi mondi quasi paralleli, ma come ripetuto nello scorso post relativo ai fumetti, soprattutto quand'ero piccolo, il Topolino era l'unico fumetto davvero alla portata, in tutti i sensi, sia economico, sociale ed intellettuale. D'altronde se volevi un fumetto o qualcosa da leggere, soprattutto nella fase infantile (anche se come sappiamo può esser letto da tutti, grandi e piccini), difficilmente un tuo genitore poteva dirti di no se volevi un Topolino. E quindi da quando lessi il mio primo me ne innamorai subito, tanto che soprattutto in Estate o periodicamente collezionavo anche i gadget (mazzi di carte personalizzate, topocar, la 313 di Paperino, l'akuascooter di Paperinik e tantissimi altri), che questo leggendario fumetto dava insieme al mio settimanale preferito. Settimanale che, ho regolarmente comprato per un periodo, ultimamente non tanto, perché tra giochi e blog ho davvero poco tempo. Anche se proprio in quest'ultimo anno ho ricominciato a leggerlo, ed ora che nella settimana di ferragosto il blog si prenderà una pausa, sicuramente lo leggerò con ancor più frequenza.

Dopotutto il Topolino, oggetto di culto della mia e spero della nuova generazione, anche grazie alla spasmodica mole di idee dei suoi fumettisti, non smette mai di stupire e di interessare. Dato che proprio grazie ad un grande estimatore come Miki Moz (come dimostra questo post, qui) ho riscoperto la passione per questo eccezionale, imprescindibile fumetto, che ogni settimana, ogni mese ed ogni anno, continua incessantemente a sfornare sempre nuove storie, nuovi personaggi e tanti, tanti omaggi. Ed appunto di questo che vorrei parlare, perché grazie all'amico Moz, ho saputo di tante straordinarie novità e speciali numeri da collezione o più semplicemente da non perdere. Infatti, ho recuperato (e non ditemi come) alcuni eccezionali numeri alquanto interessanti (che ovviamente vi consiglio, se non l'avete già fatto, di leggere). Il numero 3182, divenuto celebre, come sottolineato da Moz (qui) per essere stato, dato che l'ottantottesimo compleanno di Mickey Mouse era vicino, interamente dedicato al mitico Topo, con tutte le storie a lui dedicate, dalla classica storia del topastro investigatore a tante altre rivisitazioni ed omaggi, che sono difatti il fulcro di questo fumetto Disney della Panini Comics. In tal senso, da non perdere (ed io non me lo sono perso) sono altri due numeri, il 3197, che omaggia Corto Maltese (qui) con una storia (protagonista Topolino in persona, ribattezzato per l'occasione Topo Maltese) particolare e tanto interessante, e il numero 3210 che, anche se con importanti accorgimenti (ed alcuni piccoli fraintendimenti, che Moz qui cerca di spiegare tramite un video dell'autore in persona) omaggia, con tre piccoli ragazzini, la straordinaria serie Stranger Things. Insomma davvero tanta roba, anche se questi sono solo alcuni esempi, dato che ogni settimana c'è sempre una cosa bella e nuova da scoprire e leggere. Difatti nonostante siano passati tantissimi anni dalla sua prima pubblicazione, egli non smette mai di sorprendere e divertire, tutti ma soprattutto noi ragazzini trentenni (e più) che ancora non vogliono smettere (di certo non adesso che ne sto riscoprendo la sua grandiosità) di leggere Topolino, l'unico passatempo di cui non si può fare a meno, sia tutto l'anno che soprattutto d'estate.

14 commenti:

  1. Risposte
    1. Già, dopotutto chi c'è che non l'adora ;)

      Elimina
    2. Conosco un posto in cui ci sono molte risposte affermative alla tua domanda XD

      Elimina
  2. Eccomi, Piter! !!
    Manco da un sacco di tempo e ancora non vedevo il tuo nuovo blog, mi fa piacere vedere questa grafica... sai che mi piaceva molto^^
    Che dire, grazie delle citazioni, e... viva Topolino.
    In estate, davvero, assieme a Diabolik... è irrinunciabile^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi ciao, è da parecchio in effetti che mancavi, ma mi fa piacere che sei passato :)
      Io direi grazie a te, del consiglio sia grafico che di lettura ;)

      Elimina
  3. Pietro, ma allora devi assolutamente conoscere uno dei miei amici blogger che è innamorato da sempre di Topolino xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, quando vuoi, anche se credo di aver capito chi è ;)

      Elimina
  4. Anche io da piccola avevo cominciato con Topolino, poi però l'avevo abbandonato per il Corriere dei Piccoli/Corrierino, giornalino che, di fatto, mi ha cresciuta.
    Ultimamente l'ho riscoperto grazie alle raccolte "adulte" della PaniniComics che mi riportano alla mente un sacco di bei ricordi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti anch'io l'ho riscoperto per quel giustificabile motivo ;)

      Elimina
  5. Bene così, goditi il mitico Topo. Anche se devo ammettere le ultime saghe non mi hanno entusiasmato: pollice verso ahimè per l'ultimo DoubleDuck, Reginella non è partita bene (ma va beh, ho letto delle critiche spietate: aspetto la fine, in Enna I trust); pure i mitici Turconi&Radice non mi hanno convinto particolarmente.

    Comunque la Panini è stata brava: ha riportato all'ovile tanti lettori :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, è stata davvero intelligente, senza togliere l'essenza fanciullesca ha saputo cogliere il giusto mix ;)

      Elimina
  6. Associo sempre l'estate a Topolino. E' più forte di me :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai bene, perché in fondo e quello che faccio anch'io, questo post infatti è l'esempio ;)

      Elimina