venerdì 11 maggio 2018

La canzone del mare (2014)

A metà tra favola e poesia, La canzone del mare (Song of the Sea), film d'animazione del 2014 diretto da Tomm Moore, che già si era cimentato in qualcosa di simile nel suo precedente The Secret of Kells, anch'esso candidato agli Oscar come quest'ultimo come miglior film d'animazione (nel 2010 e nel 2015), ma che tuttavia è ancora inedito in Italia, è un affascinante favola a cartoni animati dalle suggestive atmosfere nordiche, dal disegno stilizzato e un po' rigido che per questo appassiona e cattura grandi e piccini attorno ad una natura selvaggia ed incontaminata di un paradiso naturale da sogno. La canzone del mare infatti, che comunque non è un film come gli altri, non solo per lo stile visivo, ben lontano dall'omogenea grafica 3D a cui ci ha abituato l'animazione degli ultimi anni, coerentemente con la passione del regista per la tradizione, ed intingendo i pennelli nella tradizione folkloristica irlandese, riesce ad animare ambientazioni e creature del folklore celtico come le selkies e i folletti per tratteggiare con ombre di poesia una storia che parla a tutta la famiglia. Questo film poetico e fiabesco difatti, usa la leggenda delle selkie, metà foche e metà donne, per parlare di famiglia, di morte, di lutto e di sentimenti da affrontare con la semplicità tipica dei bambini, ma anche per raccontare il viaggio, anche e soprattutto interiore, che porta i due bambini protagonisti alla ricerca di se stessi e all'ela-borazione catartica appunto del loro terribile lutto. Proprio perché seppur i protagonisti sono bambini, a confronto con l'aridità e l'incapacità degli adulti di comprendere il meraviglioso, i temi del film sono tutt'altro che infantili. Temi importanti, come il valore del sacrificio, veicolati appunto con parole e immagini adatte alla comprensione dei bambini, ma con una chiave di lettura anche per gli adulti. Non per niente Il mito delle selkie è sempre stato usato da generazioni come allegoria del dolore della perdita in mare di una persona cara.
Non a caso la storia inizia e ci parla di Saoirse, una bambina di sei anni cresciuta senza la mamma in un isolato faro su una piccola isoletta irlandese, altresì circondata da un lato dall'affetto di un padre incapace di elaborare la perdita della moglie e dall'altro dal risentimento del fratello più grande che imputa a lei la scomparsa della madre. Con loro anche il cane Cru, che si prende cura dei bambini come fosse una tata, e la nonna, giunta dalla grande città (Dublino) per cercare di restituire ai piccoli un po' di stabilità affettiva. Perché, a sei anni, Saoirse ancora non parla. Un improvviso cambiamento, la nonna che decide di portare con sé in città i due bambini, ritenendo il faro in cui vivono inadatto alla loro crescita, sarà però l'inizio di un'avventura dai toni fiabeschi e straordinari. Giacché Ben, scoprirà un mondo di creature leggendarie, in cui i miti sono veri e tangibili, intraprendendo un viaggio per la salvezza di Saoirse (che sembra essere particolarmente attratta dal mare, che tuttavia la lontananza da essa sembra essere per lei fortemente pericoloso) ma anche, e soprattutto, di se stesso e del suo mondo. Egli infatti, nel giorno di Halloween, in cui gli spiriti secondo la tradizione girano tra i comuni mortali, fugge dalla casa della nonna, inseguito dalla sorellina. Da qui il viaggio dei due bambini perciò prenderà dei risvolti inaspettati, trasformandosi in un percorso che porterà Ben e la sua sorellina a crescere insieme, a riscoprire il potere dell'amore fraterno con cui cercheranno soprattutto di salvare un mondo di creature celtiche facenti parte di una tradizione che sta scomparendo.
Una tradizione millenaria (d'altronde accanto alla loro storia Tomm Moore ne racconta un'altra, quella del gigante Mac Liar, trasformato in pietra dalla madre Macha, un gufo-strega che gli ha rubato i sentimenti perché incapace di vederlo soffrire) e un mondo alla quale è misteriosamente collegata appunto la vita di Saoirse, che sembra via via spegnersi. La canzone del mare infatti non è semplicemente un film di animazione, è una storia che rispolvera le antiche funzioni catartiche del racconto, in un modo narrativo raro e ancestrale, che attualmente ritroviamo solo nelle produzioni dello Studio Ghibli da cui lo stesso autore dichiara di essersi lasciato ispirare. Vediamo difatti l'utilizzo di protagonisti ambivalenti e archetipi (come quello della Grande Madre e il Viaggio dell'eroe, anche se qui non siamo davanti a un'avventura eroica, a una quest da vincere, bensì a un viaggio che è anche interiore) con cui Moore ci insegna che aiutare qualcuno che ami non vuol dire sostituirsi ad esso o eliminare il dolore: amare vuol dire aiutare l'altro a tirare fuori la sua forza per affrontare sia gioia che dolore, poiché le emozioni sono il nutrimento della vita e solo affrontandole si può vivere intensamente. Altrimenti c'è il rischio di rimanere bloccati in una vita fredda e grigia come pietre, come Mac Liar, come il padre dei due protagonisti e come le creature magiche che Ben e Saoirse cercheranno di salvare. Non a caso l'incomunicabilità dei sentimenti o delle emozioni è un altro tema evidente in questo film.
Non si è più capaci di esprimere le proprie emozioni, perché convinti che il rischio sia quello di soffrire ancora di più. Un messaggio, quello della cultura moderna che ci ha spinti a credere che la tristezza, la rabbia, il dolore, la paura siano solo ed esclusivamente emozioni negative, quando sono in realtà parte integrante fondamentale dello spettro emotivo umano, quello che ci rende persone, e quindi dotate di sensibilità, che Inside Out, ben più noto, ha sviscerato poi in modo perfetto ma che qui comunque (e in modo sorprendente) arriva in ogni caso. Ma non è tutto, perché a contribuire in modo determinante al senso di stupita meraviglia del film, che immerge letteralmente in un mondo di creature e visioni straordinarie, c'è la tecnica d'animazione basata su disegni tradizionali in 2D. Ben lungi, in epoca digitale, da essere un esercizio di stile, esso ha infatti una funzione narrativa decisiva nel proporsi come media privilegiato di una favola dal sapore antico ma sempre moderna, perché veicola concetti universali, validi ora e sempre. La canzone del mare presenta infatti una meravigliosa, penetrante, immersiva animazione tradizionale, con disegni interamente fatti a mano e caratterizzati da dettagli quasi stilizzati ma controbilanciati da un insieme ricco di colori che rendono ogni fotogramma della storia un quadro. E' difatti, grazie anche ad un meraviglioso tratto sfocato che utilizza lo stile dell'acquerello, un esplosione di colori quella che si ha davanti, è un Irlanda viva, verde, umida, vasta.
Non a caso i paesaggi hanno una capacità unica di catturare la fantasia dello spettatore, e così i personaggi e la loro espressività (estremamente umana), che seppur delineata con un disegno apparentemente semplice, è in realtà studiatissimo per trasmettere tutte le emozioni, anche quelle represse, punto focale del film. Un film, una fiaba che in questo modo riesce nell'intento di raccontare una storia (grazie ad un ritmo molto poetico) piena di pathos con un'intensa magia e attraverso una fattura raffinata che non fa rimpiangere le grandi produzioni americane. Dopotutto anche qui grande importanza ha la musica. Infatti in un film in cui lo stesso titolo riporta l'importanza della musicalità, non si può certamente ignorare la bella colonna sonora, presa in parte da vere canzoni tradizionali irlandesi, ma anche interamente creata dal genio artistico del compositore francese Bruno Coulais, già candidato all'Oscar nel 2009 per Coraline e la porta magica, qui in collaborazione con la folk-band irlandese Kíla. Senza dimenticare che Saoirse, muta per tutto il film, deve ritrovare la voce per riportare la pace nel cuore di tutti. Ed è cantando una melodia sacra (Song of the sea appunto) che riuscirà finalmente a ricongiungersi con tutta la famiglia. Una canzone bellissima (della cantante e musicista irlandese Lisa Hannigan) cantata dalla piccola e dolce Saoirse (a tal proposito utile è vedere il film anche per capire finalmente come pronunciare questo "strano" nome, conosciuto in tutto il mondo soprattutto per la bella e brava attrice appunto irlandese Saoirse Ronan) che è una sintesi perfetta di tutto l'accompagnamento musicale del film.
In un matrimonio di suoni che rafforzano la poesia della storia e fortificano la suggestione e l'empatia. Tanto che si rimane incantati e stupefatti, anche se in verità non a livello di certi capolavori dell'animazione, dopotutto questa pellicola proprio perfetta non è. Perché anche se la storia si dipana come un orologio svizzero, senza mai inciampare od avere dubbi, ciò che rimane misterioso è perché il popolo fatato è e deve rimanere misterioso, giacché spesso questi miti sono poco conosciuti al grande pubblico internazionale e il tessuto narrativo del testo non sempre li riassume con chiarezza. Tuttavia al contempo è presentato in modo comunque abbastanza chiaro da far capire il modo di agire all'interno della storia. Una storia in cui capire proprio tutto non è comunque importante, perché le belle storie di La canzone del mare ci trasportano in una natura irlandese cupa e allo stesso tempo reale e vitale che non annoia ma emoziona (e un po' diverte). D'altronde, unite ad un doppiaggio efficace (non dimenticando il contributo di Brendan Gleeson nella versione inglese) vi sono diverse scene comiche che smorzano un po' la malinconia di sottofondo. In tal senso il finale, ma anche le scene durante la sigla (che mostrano la vita quando tutto è tornato al proprio posto, spazzando via la malinconia e ridando la felicità), risulta perfetto per la fiaba. Una fiaba bella, piacevole e affascinante seppur non eccezionale (e non c'entra la prevedibilità) che tuttavia è meglio non lasciarsi fuggire, perché parla all'infanzia senza essere retoricamente infantile. Voto: 7+

20 commenti:

  1. Io ho avuto la fortuna di beccarlo al cinema.

    Sono d'accordo con te, è un bellissimo film che sa usare sapientemente il folklore irlandese e l'animazione classica per narrare la propria storia. Il tema del dolore e della perdita è veramente interessante per come viene sviluppato nel film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al cinema è sempre meglio, tuttavia la storia prende comunque, perché appunto, bello è lo sviluppo, efficace l'uso degli elementi ;)

      Elimina
  2. L'inizio del racconto mi ha ricordato la storia di Isma, personaggio di Berserk: vive(va) sola col padre, su un isolotto sperduto, la madre si diceva che fosse una sirena, e lei sentiva una voce provenire dal mare. Secondo me la leggenda è quella! :)
    In ogni caso, questo è un gioiello per gli occhi... gli sfondi, i disegni, i colori... sembra proprio un libro di illustrazioni!^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non a caso il film poggia su moltissime leggende nordiche, non sorprende quindi che questo non sia l'unico che utilizza ciò ;)
      Proprio per la suggestiva ho scelto delle immagini del film artistiche :)

      Elimina
    2. Eh, hai centrato il bersaglio^^

      Moz-

      Elimina
    3. Grazie, tuttavia ce ne sono anche tantissime altre ;)

      Elimina
  3. C'ho lasciato il cuore con questo film! E ancora non so se ho amato di più la storia o l'animazione... quanta bellezza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non il cuore ma certamente alcune lacrime, proprio perché mi ha ricordato certi meravigliosi film d'animazione di grande poeticità ;)

      Elimina
  4. Film adorabile, bellissimo sia nei disegni delicati sia per la storia che racconta, che ovviamente mi ha lasciata straziata & in lacrime!

    RispondiElimina
  5. Caro Pietro buonasera!
    Credo di aver amato moltissimo questa mirabile animazione.
    È tra le cose di maggior valore che abbia visto in questi ultimi tempi, io avrei dato un nove oppure un dieci.
    Grazie, le cose che hai descritto mi ha fatto conoscere infinite o quasi nuove informazioni, dovrò rileggere per meglio approfondire.
    Abbraccio forte, ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, sì forse avrei potuto dargli un voto migliore anch'io, ma siccome non reputo questo un capolavoro non me la sono sentita...comunque grazie di aver apprezzato la mia recensione ;)

      Elimina
  6. Risposte
    1. Beh, dopotutto ad una artista non poteva mica non piacere :)

      Elimina
  7. Bellissima opera con disegni straordinari!!! Io però, dello stesso regista, ho preferito The Secret of Kells! :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The Secret of Kells come ho detto mi manca, tuttavia quando potrò non me lo perderò, perché se è la metà di questo certamente mi piacerà ;)

      Elimina
  8. Visivamente, basandomi sol sulle tue immagini, non mi attira per niente, anzi, mi repelle (nel senso che mi respinge, non nell'altro senso, sinonimo di disgusto) 😝 però se ne parli così bene, compresi i commenti qui sopra, mi fai venire un po' voglia! Se mi capita in TV gli do una possibilità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se arriverà mai in tv, ma se mai dovesse accadere vedilo in ogni caso perché merita ;)

      Elimina
  9. Visto tempo fa...veramente una bella scoperta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una bellissima ed incantevole scoperta ;)

      Elimina