lunedì 23 dicembre 2019

[TAG] Essere ''blogger'' alle soglie del 2020?

Inizialmente non avevo tanta voglia di farlo, una ragione semplicemente non c'era, ma poi ho cambiato idea, e grazie alla nomina di Sam Simon del blog Vengono fuori dalle fottute pareti, ho avuto l'occasione di dire la mia e quindi in tal modo continuare questo TAG che, inventato da Nino Baldan, ha fatto il giro dei blog. Un giro così lungo, è passato da Pensieri cannibali, Moz, Cupa voliera, Ema (e tanti altri) che alla fine appunto (ero uno degli ultimi che non l'aveva ancora fatto), si è concluso adesso, adesso che risponderò ad alcune domande sull'essere blogger in quest'epoca di social media.

Quali sono le ragioni che ti hanno spinto ad aprire un blog?
In realtà non mi passava neanche per la testa di farlo all'inizio, poi, come ho anche scritto in varie occasioni e da introduzione alle pagine Il blog e Chi sono, una vicina di casa, che era blogger ed ancora è (di cucina), mi mise una pulce nell'orecchio. Titubai, non avevo il coraggio, ma mi incuriosiva tantissimo, ci ho messo un po', però alla fine mi son deciso e l'ho fatto, e non me ne sono pentito (non ancora almeno..).

Come nasce l'idea dietro ai tuoi post?
Inizialmente questo era una specie di diario, una finestra sul mio mondo, in cui scrivere delle mie passioni (concentrate prevalentemente al cinema, alla televisione, alla musica ed ai videogiochi), dei miei ricordi e di tanto e molto altro. Tuttavia nel tempo, poiché vedevo e vedo tuttora tantissimi film e tante serie tv, quest'ultime hanno preso il sopravvento, ed è così che, pur non rinunciando a scrivere di un po' di tutto, il diario si è trasformato in un blog di recensioni. Ed è così che l'idea che sta dietro ai miei post, nasce quando vedo un film o una serie tv.

Quali mezzi utilizzi per il blogging?
Dal portatile (nuovo di un anno) faccio qualcosa adesso (più di prima), ma il grosso di tutta l'operazione avviene (e rimane) al pc, quello fisso. Da qui infatti gestisco molto meglio il tutto. E ciò comporta ovviamente una pagina Excel per annotarmi qualunque cosa, dal calendario di pubblicazione ai film da vedere, ed una pagina Word in cui scrivere la prima bozza di quella che sarà la recensione. E poi una cartella di quasi 9000 file di locandine ed immagini varie.

Quanto impieghi per un post e come inserisci il blogging nel tuo tempo libero?
Se conoscete la mia storia e la mia condizione dovreste già sapere che di tempo libero ne ho parecchio, tanto che mi diletto a giocare ai videogiochi giornalmente. Ma ovviamente il 70% di questo tempo (stimabile approssimativamente tra le 4 e le 5 ore) lo impiego per il blog e per fare una o più recensioni. Però è alquanto raro che riesca nell'ultima, ovvero scrivere più recensioni, perché sembra facile ma per scrivere una recensione c'è bisogno di un'attenta programmazione. C'è bisogno di tempo innanzitutto per trovare le locandine e le immagini, che per il mio blog devono avere una dimensione specifica, per trovare le informazioni sugli attori, sul regista e sul film in oggetto, tempo per riordinare le idee, e in ultimo scrivere. E insomma il tempo vola via, a volte troppo velocemente che penso che ne impiego anche troppo, infatti sto pensando di ridimensionarlo, e così sto cominciando a fare per impiegarne meno.

Qual'è il tuo rapporto con i social network e come sono legati al tuo blog?
E' un rapporto conflittuale quello con i social network, che sono legati al blog sia su Facebook, con una pagina specifica (ma c'è comunque la mia pagina personale), che su Twitter (solo pagina specifica), avevo un account Instagram (e ce l'ho ancora) però ci sono stati problemi e non ho più aggiornato con la pubblicazione dei post, perché a parte alcuni utenti (pie persone) che commentano e cliccano su mi piace, non mi caga nessuno. E quindi su Telegram, dove al momento seguo alcuni blogger, non ho intenzione di creare canali, come in qualsiasi altro social che non conosco e non seguo farò alcunché. Ma, e c'è un ma, poiché non cerco la fama o la gloria, mi va più che bene che questo rapporto sia e rimanga in contrasto.

Vedi questa "crisi" del blogging in prima persona, al punto da aver avuto la tentazione di trasferirti in pianta stabile sui social?
In relazione al discorso di prima, ma non ci penso nemmeno, anche perché qui c'è interazione al contrario dei social (e si conoscono più in profondità alcuni utenti, si coltivano meglio alcune amicizie, seppur queste siano nella maggior parte, virtuali). In ogni caso, esperienza personale a parte, è innegabile non accorgersi della crisi che sta attraversando il nostro movimento, movimento che paradossalmente ha subito una brusca frenata di visualizzazioni dalla chiusura di un social network come Google+ che, essendo stato parte integrante del tessuto bloggeristico di Google e di conseguenza Blogger, ha tolto alcune basi solide. Ed è innegabile non accorgersi inoltre che sempre più persone preferiscono commentare un'immagine o una dichiarazione breve, che perdere tempo a leggere qualcosa di costruito, non per altro il mio ridimensionamento sarà relativo anche allo "spazio" oltre che al tempo, per andare un po' incontro (pur rimanendo fedele ai miei standard) a questi soggetti. Tuttavia per fortuna ci sono persone che vogliono (leggere), che si impegnano e tengono viva la blogosfera, bello quando un post, una recensione vecchia di anni, riprende vita, e quindi anche se in crisi, essere blogger è bello.

Concludendo
Bene, le mie risposte le ho date, ora non mi resta che, come da regolamento, taggare altri cinque bloggers e avvisarli, ma ormai come spesso mi accade, strappo la regola e non nomino nessuno, al massimo invito chiunque voglia a continuare. Tuttavia a questi dico di rispettare la regola di linkare il post originale (e l'ho fatto poco più su, ma rieccolo qui) e di lasciare lì un commento (cosa che ovviamente ho fatto) per permettere a Nino di sapere che avete continuato il tag. In ultimo, come immagine potete usare l'originale che trovate da Nino (che io ho ripreso) o qualunque altra a vostra scelta. Arrivederci e grazie.

16 commenti:

  1. Conoscevo già le tue risposte, ed è per questo che ho scelto di non partecipare a questo tag. Non volevo, infatti, ripetermi.
    Quanto ai social, Instagram non lo sopporto proprio, altro che. Lo uso sempre meno, mentre rimango fedele a Facebook. Con Twitter non vado proprio d'accordo.
    Infine, parlando della lunghezza dei post, ti ho consigliato spesso di ridurla poiché, a maggior ragione nel campo delle recensioni, per ogni film ne esistono centinaia ed è difficile che un utente abbia voglia di soffermarsi a leggere per mezz'ora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbè non esagerare, mezz'ora? :D
      Quanto ai social, ognuno è libero di usare quello che ritiene più appropriato, mentre per quanto riguarda il Tag, fa niente ripetermi, credo sia stato giusto da parte mia partecipare ;)

      Elimina
    2. Ahahahah!
      Be', coi tuoi post di un paio d'anni fa, usando il lettore di testo a velocità 1.5, mi dava 15 minuti. Quindi Claudia non si è allargata troppo 😂
      Però con le ultime impostazioni e suddivisione di argomenti, sono riuscito a dimezzare i tempi. 15 minuti ma con lettura in prima persona e attenta 😘

      Elimina
    3. Eppure quando lo rileggo non impiego tanto tempo, sarà che riesco a leggere con più velocità, e in effetti è così ;)

      Elimina
  2. W la blogsfera!
    Buone feste, Monica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per ora e per sempre, se resiste...buone feste a te ;)

      Elimina
  3. Ciao Pietro,
    non conoscevo il tuo blog, non conoscevo te e la tua storia, e per prima cosa voglio i complimenti: complimenti per come gestisci le cose, complimenti per organizzare giorno dopo giorno la tua vita. Leggo nelle tue parole che hai tanto da dire, da raccontare, più di chi non si sente "un pesciolino in un acquario piccolo" ma uno "squalo" che alla fine però non combina nulla.

    Vedo che anche a te piace dilungarti nella stesura :) ma è una caratteristica anche mia: è più il tempo che spendiamo tra verifiche e aggiustamenti che nella scrittura in sè. Penso: "meglio un bel post completo che sia d'aiuto a tanti lettori che una paginetta come ce ne sono a migliaia" e penso che in questo non cambierò mai!...

    La pensiamo allo stesso modo anche sui social: lì è tutto immediato, si ragiona per immagini, e se vogliamo toccare certi temi, certe corde, lì il sostegno non lo troveremo mai... Meglio i blog! Almeno qui c'è curiosità, interazione, e soprattutto un altro tipo di lettori :)

    Colgo l'occasione per augurarti buone Feste!
    Un abbraccio

    Nino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti, e sì, mi dilungo, credo che continuerò, ma con le dovute proporzioni ;)
      Ecco perché rimango fedele alla blogosfera, Auguri anche a te :)

      Elimina
  4. Io su Instagram ti seguivo, ed anzi, era diventato un modo per sapere i tuoi post al posto del blogroll che via Smartphone mi veniva e mi viene scomodo utilizzare.
    Come te comunque nella mia attività di blogging preferisco sempre e comunque il Pc fisso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah sì? Peccato allora, comunque ora sembra che vada tutto bene, ma preferisco non forzare per seguire liberamente tutti compreso te ;)

      Elimina
  5. Ciao Pietro! Diciamo che conoscevo/immaginavo parte delle tue risposte! Non immaginavo che fossi così organizzato con fogli Excel, dovrei prendere spunto :D
    Per quanto riguarda il rapporto con i social, capisco il conflitto, credo però che possano essere un buon appoggio e soprattutto riescono ad avvicinarti alle persone che ti seguono, con la conseguenza che hai anche in feedback più diretto su cosa può funzionare e cosa no :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, eh sì lo sono, pensa che scrivo anche i film che vedo giornalmente, annoto praticamente tutto :D
      Ma sì, sono comunque utili, però preferisco un approccio diverso ;)

      Elimina
  6. Grazie per la citazione e mi fa piacere che alla fine tu abbia partecipato. È sempre un bene leggere il parere, soprattutto di un blogger così professionale e assiduo come te!
    Bravo al vicino!
    Che professionalità e che organizzazione tra Excel e Word! Pensa che io uso penna e fogli di carta rimediati da qualche fotocopia 😅
    Immaginavo che i tuoi post ti prendessero tanto tempo, dato che sono ricchi di dettagli. Comunque noto che anche a te l'editing delle immagini e le ricerche, occupano gran parte del tempo.
    Concordo sul bello del blogging, in termini di relazioni umane (anche se solo virtuali). Però qualche stronzetto che fa commenti senza aver letto una lettera del tuo post, capita anche qui 😝

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si può avere tutto, ma mi accontento di quello che capita..
      E sull'organizzazione sì, non è facile come sembra, ma me la cavo ;)

      Elimina