venerdì 17 gennaio 2020

Stanlio & Ollio (2018)

Tema e genere: Adattamento cinematografico del libro Laurel & Hardy - The British Tours di 'A.J.' Marriot, questo film biografico/drammatico racconta dell'ultima tournée dal vivo dei due comici, al termine della loro carriera cinematografica, e del loro rapporto d'amicizia.
TramaStan Laurel e Oliver Hardy, il duo comico più famoso al mondo, nel 1953 affrontano un tour teatrale in Gran Bretagna. Acciaccati dall'età e con alle spalle un passato di gloria, i due vanno incontro a un futuro incerto: gli spettacoli, attraverso la nazione, si rivelano infatti deludenti, sebbene fan vecchi e nuovi continuino a divertirsi di fronte alle loro gag.
Recensione: L'ho aspettato parecchio ed avevo alte aspettative che sono state in parte ripagate. Il film infatti, diretto da Jon S. Baird, che si concentra su una parte della carriera di Stanlio e Ollio ai più sconosciuta e su aspetti personali tutt'altro che divertenti (anche se non mancano momenti simpatici), è un dolcissimo omaggio a questa coppia d'oro della comicità mondiale. Lineare, senza particolari sussulti ma godibile, l'opera rispetta lo stile cui i due fuoriclasse della risata ci avevano abituati. Non vi è nulla di eccessivo, di forzato: si sorride con gusto, ci si emoziona nel racconto. Anche perché oltre ad essere un biopic sincero e brillantemente prodotto, il film sembra anche essere una vera e propria storia d'amore fra due amici (un'apologia divertita e divertente del più introvabile dei sentimenti: l'amicizia vera e profonda, anche questo è Stanlio e Ollio). Due colleghi con una straordinaria chimica sul palco che, dopo una lunga e impegnativa tournée teatrale, capiscono di essere due veri amici. In tal senso risulta azzeccata la scelta di non fossilizzarsi sui loro successi o su una sorta di grande "imitazione" dei loro successi, ma bensì di scavare dietro il personaggio fino a scorgere la persona. Quanto la persona è diventata personaggio? C'è una grande malinconia, ma allo stesso tempo si ride, ci si diverte, grazie ad una comicità che si ripercuoteva nella quotidianità di questi due straordinari interpreti. A rendere tutto ancor più piacevole sono i due protagonisti, perfettamente calati nei rispettivi ruoli. Così tanto perfettamente che pochi istanti fanno sì che chi ha amato i due comici dimentichi totalmente (stupendi i momenti delle gag teatrali) di trovarsi di fronte ad attori che li interpretano (e ben ha fatto il doppiaggio a non cadere nel finto accento con cui in Italia son diventati famosi).

Steve Coogan e John C. Reilly (entrambi bravi a tirar fuori senza cadere nel caricaturale o nel macchiettistico gli aspetti più intimi e le sfumature dei due personaggi) hanno difatti saputo rivestire questi panni a dir poco ingombranti (Stanlio e Ollio non sono solo il duo comico più amato dal pubblico, sono vere e proprie icone cinematografiche e comiche), sia fisicamente che spiritualmente, in maniera sorprendentemente autentica, pura. Il modo in cui i due attori hanno saputo assimilare e rappresentare le diverse personalità dei due comici è infatti davvero impressionante. Sebbene John C. Reilly abbia ottenuto per il ruolo di Ollio una nomination ai Golden Globes, mi sento di elogiare tuttavia il lavoro di Steve Coogan, meno "aiutato" da mezzi tecnici come trucchi, nel dare il giusto aplomb e il giusto equilibrio alla sua interpretazione. Lodevoli sono anche le prove di Nina Arianda e Shirley Henderson, che vestono i panni delle compagne dei due. Il loro arrivo dà un contributo notevole all'evoluzione dell'opera e permettere allo spettatore di scrutare ancor di più nelle mura domestiche di questi due grandi personaggi. Ad un'opera che è anche un apologo sul mestiere dell'attore, di chi preferirebbe morire sul palcoscenico piuttosto che avere una lunga vita lontana dalle scene, di chi, come Stan, dopo la morte del collega e amico, andò avanti ancora fino alla fine a scrivere testi e preparare nuove scene che solo loro due avrebbero potuto interpretare. Un ultimo gesto di affetto e di omaggio a una delle coppie più memorabili della storia del cinema. E insomma film, con una sceneggiatura lineare e una regia brava a spogliarsi di ogni svolazzo mettendosi al servizio della storia e dei suoi protagonisti facendo ben attenzione a restituire i colori, i modi, i suoni, le luci, gli abiti, i modi di fare di una dorata epoca lontana, davvero bello, non memorabile, ma gradevole.
Giudizio in sintesi: Piacevole, senza fronzoli, rafforzato dalle ottime interpretazioni dei protagonisti (bravissimi i due attori ma a mio avviso Steve Coogan straordinario con una somiglianza sia fisica che mimica incredibile), Stanlio & Ollio è un gradito (gradevole, intelligente e riuscito) omaggio, simpatico e malinconico allo stesso tempo, a due grandi comici del passato.
Consigliato: La sceneggiatura e l'appassionante interpretazione rendono Stanlio & Ollio un film adatto a tutti, perfino a chi non ne ha mai sentito parlare.
Voto: 7+

8 commenti:

  1. Molto (tanto) classico, mi spiace che la parte del loro arrivo in Irlanda (un momento storico per il Paese e la coppia di comici) sia stata gestita un po' frettolosamente, ma in generale siamo d'accordo, un buon film ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh a volte la classicità non paga il conto, come in questo caso, e sui difetti ho surclassato, perché comunque nel complesso sono stato cauto nel giudicare, e soprattutto dargli un voto ;)

      Elimina
  2. Questo è uno dei pochi film biografici che mi interessano. Mi sa che l'ho pure scaricato su SkyGo, mica mi ricordo 😆
    Ottimo che ti sia piaciuto, mi dai lo stimolo per guardarlo.
    Come al solito, ci si rilegge appena lo avrò visto 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai amato i due da piccolo, a prescindere da tutto va visto ;)

      Elimina
  3. Troppo semplice in alcuni tratti, tanto da risultare noioso, ma a me non è dispiaciuto.
    Attori enormi comunque, sembravano il vero duo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sugli attori niente da dire, uguali proprio, sulla noia direi no, però è comprensibile ;)

      Elimina
  4. Non credo che lo guarderei, poiché le loro gag erano belle perché molto brevi.
    Un'ora e mezza del duo potrebbe annoiarmi. Non mi ha mai fatta impazzire, infatti.
    Però è giusto che i fan possano godere di questo omaggio, oltretutto ben riuscito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma le gag "ricostruite" sono poche, qui ad essere al centro è la loro amicizia, però capisco il tuo punto di vista, comunque sì gradito omaggio ;)

      Elimina