mercoledì 11 maggio 2016

Sleepy Hollow (3a stagione)

Sleepy Hollow è una serie supernatural drama horror ed action della Fox. La terza stagione di questa serie televisiva tutta americana si è conclusa quasi una settimana fa, le 18 puntate che la compongono sono andate infatti in onda dal 18 gennaio al 2 maggio dopo una piccola pausa tra febbraio e marzo. Come forse si intuisce la serie è basata, adattata in chiave moderna del racconto La leggenda di Sleepy Hollow, di Washington Irving. E' ovviamente importante ai fini di questa mia recensione aver visto le due adrenaliniche stagioni precedenti ma certamente non è un ostacolo così insormontabile come ci si aspetterebbe. La serie racconta le avventure dei due Testimoni (coloro che sono stati prescelti di salvare il mondo dal male), Ichabod Crane (Tom Mison), soldato dell'esercito americano agli ordini di Washington in persona, che si ritrova catapultato nella Sleepy Hollow del presente dopo un sortilegio e la giovane detective Abbie Mills (Nicole Beharie), che dopo essere sfuggita da un doloroso passato, è ora una promettente detective che vorrebbe arruolarsi nell'FBI. Ma ovviamente i due, legati da un solido legame mistico e umano, dovranno lottare incessantemente con oscure presenze demoniache ed ancestrali (richiamate da forze maligne assetate di potere, distruzione e sangue), e dopo aver sconfitto il Cavaliere senza testa, i quattro cavalieri dell'apocalisse, una potente strega, fermata l'apocalisse stessa, ucciso Moloch, durante le prime due stagioni, si ritroveranno contro nientemeno che la Pandora della leggenda (interpreta dalla bella Shannyn Sossamon), che vorrebbe liberare suo marito, una vera è propria divinità, l'Occulto (Peter Mensah). Ovviamente il loro è un piano diabolico e terrificante, distruggere il mondo, ma i due avranno grossi grattacapi perché i due testimoni combatteranno fino alla fine ed oltre per fermarli.

Prima di cominciare, vediamo dove eravamo rimasti e cosa troviamo. Dopo la sconfitta di Moloch e la dipartita di Henry e Katrina (figlio cavaliere della morte e moglie-strega di lui), Ichabod Crane e Abbie Mills si sono temporaneamente persi di vista: il primo ha vagato in cerca di se stesso e del suo passato, la seconda è andata avanti e una promozione le ha garantito l’ingresso nell'ambita e tanto agognata FBI. Tutto sembrerebbe tranquillo, il male è stato sconfitto, ma una nuova minaccia sovrannaturale è in città, una donna (che poi vedremo essere Pandora, lei che nel suo vaso contiene tutti i mali del mondo) ha un mente qualcosa di sconvolgente e grazie e per colpa dei testimoni, che faranno di nuovo squadra, riuscirà nel suo malvagio piano, ma come sempre il bene non mollerà la presa e proverà a scombinare e ribaltare le sorti della guerra, non senza complicazioni e perdite pesanti, tra cui una assolutamente scioccante per i fan, come me. Ovviamente i due non sono soli, il gruppo contiene anche la sorella di lei, Jenny, il figlio dell'ex sceriffo Corbin, Joe, e durante il proseguo, un'agguerrita agente federale donna, il capo di Abbie (con cui ha una mezza storia, Daniel) e inaspettatamente anche il padre di lei. Ma come detto prima, il finale spiazzante seppur intrigante non convince appieno, difatti (spoiler) Abbie è stata uccisa dopo aver sacrificato la sua anima per sconfiggere Pandora, lasciando Ichabod da solo. E' chiaro però che la scappatoia dalla logica fumettistica c'è, in caso di rinnovo per una quarta stagione (in alto mare al momento): come spiega il padre di Abbie, l'anima di sua figlia non è scomparsa, e si manifesterà in un altro membro della famiglia, perché Ichabod ha bisogno di una partner per combattere le forze del male. Ma è quasi accertato che questa reincarnazione di Abbie non avrà le fattezze di Nicole Beharie, se è vero che la morte del personaggio fosse motivata, dietro le quinte, dal desiderio dell'attrice di passare ad altro. E siccome era l'alchimia tra lei e Tom Mison a rendere divertenti anche gli episodi più deboli, è difficile rimanere ottimisti pensando al futuro di Sleepy Hollow, nonostante il ritorno in scena del Cavaliere senza testa, tornato ad essere l'incarnazione della morte senza più essere guidato da gelosie umane.

L'altra promessa per un eventuale quarto ciclo è un colpo di scena legato ai viaggi nel tempo: grazie a Betsy Ross (Nikki Reed, presenza sprecata), George Washington sa che Ichabod è vivo nel ventunesimo secolo, e lo ha designato capo di un'organizzazione segreta dedita alla lotta contro le minacce paranormali. Ed ecco che un misterioso uomo in nero si manifesta e chiede ad Ichabod di venire con lui, introducendo una nuova storyline che, se esplorata nel modo giusto, potrebbe compensare l'assenza di Beharie e ridare alla serie quell'atmosfera bislacca a cui eravamo affezionati. Altrimenti c'è il rischio che Sleepy Hollow finisca come altre serie, vittime di un declino progressivo fino alla cancellazione definitiva. Insomma una stagione che delude in parte, spiazza, sconvolge e non incide ma che riesce grazie a tanti spunti interessanti a coinvolgere anche se la serie dopo una prima annata con il giusto spirito volutamente sopra le righe, si è trasformato in un banalissimo procedural con tinte paranormali. Un procedural comunque godibilissimo, grazie alle interpretazioni dei protagonisti, ma piuttosto lontano dalle promesse del primo ciclo di episodi, a cui ha fatto seguito un susseguirsi di storyline e personaggi che, nel migliore dei casi, erano solo una simpatica distrazione. In questa terza stagione succedono tante cose, anche strane, divertenti e atipiche ma soprattutto interessanti, scopriamo qualcosa in più e di importante, vitale, sul passato di tutti i protagonisti. Ma il punto di forza e debolezza della serie, ovvero Crane che a qualsiasi demone o creatura cerca una soluzione nei libri che 'casualmente' trova, stanca leggermente ma d'altronde senza non avrebbe senso. Comunque i cattivi non fanno paura, l'azione diminuisce, i sentimentalismi stancano, ma soprattutto neanche il crossover con la serie Bones (che non ho mai visto) nel quinto episodio è riuscito a rialzare le sorti dello show che si è lentamente perso ma che nonostante qualche problema risulta godibile e piacevole che fa comunque la serie, una delle migliori dell'anno. 

4 commenti:

  1. Non hai mai visto Bones???...io ne sono praticamente dipendente :)
    E comunque anche Sleepy Hollow non è male dai.
    Ciaoooooooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi intriga molto Bones, non so perché, comunque conoscevo gli attori però non mi ha fatto effetto vederli...Sleepy non è assolutamente brutto, solo che in questa stagione ha deluso un po ;)

      Elimina
  2. SOno rimasto indietro per via del poco tempo, ma ho intenzione di finirla, è la prossima in lista. Ma fino a dove sono arrivato mi stava deludendo abbastanza come stagione. Mi consola il fatto che la chiuderanno al 99%

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato però che probabilmente non rinnoveranno, mi piaceva tanto, comunque in effetti il cerchio l'hanno chiuso, quindi forse è meglio così ;)

      Elimina