sabato 5 marzo 2016

La mia verità

E' da tanto che volevo e forse dovevo farlo prima, ma non c'è mai un momento giusto per dire una verità che ho tenuto celata per parecchio tempo, solo i miei amici, parenti o conoscenti (molti su Facebook) sanno qual'è. Innanzitutto volevo scusarmi, se non ho detto niente, a voi nuovi amici blogger e non (su Google+ ed anche Facebook), perché se neanche io che ho sempre ritenuto la sincerità elemento cardine di qualsivoglia relazione non lo sono stato, sincero, non meriterei la vostra attenzione, ma è stato solo per una questione di troppa privacy o semplicemente paura di influenzare in qualche modo il vostro senso di partecipazione non solo al mio blog, perché è inevitabile che anche un commento può subire condizionamenti ad una verità abbastanza importante. Dicendo questo non voglio farvi allontanare, ma di non cambiare il modo di interagire con me. Non vorrei assolutamente subire o avere un trattamento speciale. Comunque non sono costretto a dirlo, ma se vi piaccio così come sono o vi piace il mio blog, per coerenza dovete almeno sapere, anche in modo marginale o abbreviato, la mia storia e condizione esteriore perché interiormente sono così come mi leggete nel mio o vostro blog, simpatico, educato e cordiale. Sono comunemente definito dalla legge come invalido civile, al momento al 100% inabile. Da vent'anni, dopo 2 anni travagliati a 'lottare' con una malattia (che ancora mi attanaglia e attanaglierà), sono su di una sedia a rotelle, ma da 8 anni bloccato più che a letto, a casa, quasi del tutto impossibilitato ad uscire, non perché non potrei (e non è facile) ma perché sto bene a casa, sto benissimo con me stesso, non sono mai solo e ho un mondo, quello virtuale comunque interessante e vasto, infatti una delle uniche cose che riesco ancora a fare da solo, oltre a mangiare, spingere di continuo il telecomando del mio mysky (a letto, e menomale che c'è Sky) è stare al computer, per giocare, divertirmi e scrivere su questo blog (grazie ad una tastiera su schermo), sempre con il mouse. Ora quindi capirete qualcosa in più sul mio mondo e quindi perché ho scelto questo nome per il mio blog. Sottolineo anche il rimando alla foto iniziale del post e dell'intero blog, sono come un pesciolino (il mio segno) in un acquario piccolo ma dalle enormi potenzialità che ora in qualche modo ho sfruttato decidendomi (tempo fa) ad aprirlo, finalmente, questo benedetto blog.

E' come se venissi da un'altro mondo (come tutti probabilmente, ognuno a sua immagine), ma diverso e più complicato, sì 'io vengo dalla luna', no scherzo, il mio e vostro mondo è uguale, la terra è di tutti, anche se visto in modo differente. Ora son sicuro capirete molto, le foto da piccolo soprattutto su Facebook e i tanti ricordi d'infanzia che ogni tanto racconto. Attenzione però fino a poco tempo fa, giravo, uscivo, con i miei, in vacanza, ristoranti, pizzerie, tante cose belle e tanti posti, non tutto è andato malissimo, tante cose che ho fatto e che ho ancora da dire. Pochi giorni fa ho risposto al blog di una 'amica' blogger di preferire l'home video al cinema, non è del tutto vero, ossia non è che non mi piaccia, anzi, per un periodo sono stato assiduo frequentatore di sale cinematografiche, è solo che solo così adesso posso vedere quello che recensisco. Ecco perché vado leggermente indietro nella tabella di marcia poiché non sempre la soluzione è lo streaming, a parte qualche frangente. Dovete avere pazienza (che io certe volte non ho, non mi piace stare senza fare niente) e aspettare, anche se comunque non vedo film così tanto 'vecchi' diciamo. Nella mia verità ho cercato comunque di dire il meno possibile perché qualche informazione meglio che resti ancora celata, per un mio senso di privacy, ma se volete sapere altro, e se avrò voglia di dire qualcos'altro, contattatemi in privato (nella lista contatti i miei 'recapiti'). Spero di avervi spiegato, in modo definitivo, alcune cose importanti. E ora che sapete quasi tutto, spero anche, che non cambierete idea o approccio su di me, con me. Forse non vedrete mai una foto di me di adesso, ma tante ce ne sono e che posterò nel tempo. Ad ogni modo vorrei ringraziare e scusarmi con tutti, ma non è stato facile decidere di dire la mia verità qui e solo adesso, dopo 8 mesi nella Blogosfera. Sono un uomo rimasto ragazzino, sì esattamente come Peter Pan, ma solo fisicamente, io già a 7 anni ero maturo, dovevo per forza essere già grande, altrimenti sarebbe stato peggio. Ma chi mi conosce sa come non mi abbatto mai, sorrido sempre e mi diverto sempre e comunque. Qualcosa mi manca, qualcosa non ho e non avrò e farò mai ma come dico sempre bisogna accontentarsi della vita che ognuno ha, anche quando non è come te l'aspetti o vorresti. Non lamentarsi di ogni piccola sciocchezza (che non sia così importante da essere vitale o vera), sono altri i problemi. Non mollate mai, la vita è una e una sola, non buttatela al vento, bisogna vivere e godere di tutto quello che si ha o riesce ad avere dalla vita. Sì lo so, che discorso filosofico che mi è venuto, mi stupisco di me stesso, di rado mi comporto così, forse qualcosa sta cambiando in me, superati i trenta si diventa forse già saggi. A presto, qui sul mio blog o nei vostri bellissimi (alcuni..ahah) blog! Ciao.

Ti potrebbe anche interessare:
Io, Arlecchino

14 commenti:

  1. ho apprezzato la tua onestà...
    credo si incrocino rapporti veri e validi sul blog, e che valga la pena essere sinceri vicendevolmente...
    ti auguro che la passione non muoia mai, e che possa tu trovare una via che ti regga, indipendentemente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In leggero ritardo ma almeno così non devo in alcune situazioni fingere...non è nella mia natura..
      Proprio perché ho conosciuto valide persone (come te) ho deciso di dire la verità...al momento mi piace fare il blogger, poi chissà ;)

      Elimina
  2. Ci vuole coraggio a raccontarsi fino in fondo, fino a spogliarsi. E tu lo hai fatto. Quindi immagino tu venga proprio dalla luna!
    Hai tutta la mia stima, e spero che questo mondo sia sempre migliore, per te e per noi. Un abbraccio forte! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo in mente la canzone di Caparezza e mi è balzata in testa questa cosa...il coraggio non mi manca, ma sono leggermente pigro in certe situazioni..
      Spero vivamente che il mondo migliori...
      Grazie della tua stima, ma sai anche quanto anch'io ti stimi, quindi un abbraccio a te ;)

      Elimina
  3. ciao Pietro, apprezzo l'onestà con la quale ti sei raccontato anche se non la considero indispensabile. Nel mondo virtuale, anche se ci sono rapporti validi e sinceri, non è imperativo dire tutto di sè. In ogni modo, per quanto mi riguarda, non cambierà il modo di interagire con te. Come avrai notato io scrivo poco poi sparisco per giorni però passo sempre a dare un'occhiata ai preferiti, anche se spesso non commento (se non conosco l'argomento o non ho nulla di intelligente da aggiungere) ;) a presto un abbraccio Q*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non era indispensabile certo, ma è sempre dirle certe cose che rimanere spesso nell'ombra...si ti leggo, lo so...anch'io non commento tanto per, lo faccio se mi interessa l'argomento...a presto, un abbraccio anche a te ;)

      Elimina
  4. Sei meraviglioso e ti voglio ancora più bene, non perchè ti trovo diverso assolutamente, ma per il coraggio di esporsi di fronte a tutti noi e di raccontarti.
    Un consiglio, non involverti. Se lo puoi fare , a volte lascia il virtuale e cerca il reale. Anch'io sai , spesso per lenire il dolore delle mie lacerazioni mi fiondo nel virtuale, ma poi capisco che c'è una vita al di là di tutto che ci piaccia o meno e quindi cerchiamo di viverla alla meno peggio..
    Ti stringo forte! e Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...comunque sto migliorando su tutto, so bene la differenza tra reale e virtuale ma al momento vivo bene la mia 'normalità', si va avanti sempre ;)

      Elimina
  5. Questo post è veramente commovente. Mi è piaciuta l'espressione "vengo dalla Luna", perché la Luna è l'astro dominante del segno dei pesci, ti dà una sensibilità enorme, che traspare in ogni tua parola.

    RispondiElimina
  6. Ciao sono Massimiliano e ti conosco perchè ho letto di te sul blog di Giuseppe quello del buio in sala.
    A dire la verità non è che ho fatto i salti di gioia visitando il tuo Blog.
    Mi spiego anzi non riesco a capire come tu sia cosi' legato agli anni 80 agli 883 a film come Rambo o Indiana Jones.
    Il fatto che fossi un pò Peter pan l'avevo capito e un pò lo sono anch'io nonostante i miei quasi 47 anni.
    E forse dovrei essere io quello piu' attaccato a quegli anni data la mia età che tu che di anni ne avrai si e no 30!
    Sei strano...non è una bella cosa secondo me essere troppo legati a periodi che comunque non ti appartengono possono piacerti per carità ma dopo la cosa finisce lì ..almeno io la penso cosi'.
    Il tuo Blog per quel poco che ho letto è proprio un diario di emozioni...tante legate al tuo passato alla fine di questo tuo commento scrivi di non lamentarsi delle difficolta che ti riserva la vita e mi sembri anche ottimista....spero non sia una frase fatta e che tu lo pensa veramente quello che hai scritto.
    Premetto che son diversi giorni che leggo diversi post del tuo blog e volevo scriverti quello che ti ho detto perchè lo penso veramente.
    Oggi ho letto questo post dove parli della tua condizione ,però non riesco a cambiare idea su quello che ho scritto.
    Un abbraccio
    Massimiliano
    Scusami per gli errori di ortografia.....ma non ho tempo di star qua a controllare e scrivo piuttosto di getto!
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e grazie della visita innanzitutto, in ogni caso capisco cosa vuoi dire ma io questi film non li ho visti mica al cinema, ma alla tv insieme a mio padre, tra l'altro ho visto tutti i film di Totò, Franco & Ciccio, Lino Banfi e pure Stanlio e Ollio e Chaplin...
      Sì ho 30 anni ma non c'entra con la passione per cinema, appassionati lo si è sempre..
      Comunque quello che dico lo penso sempre, sono sincero sempre come te credo, perciò sì a volte ricordo troppo ma sono sempre rivolto alla realtà anche se non è proprio uno spasso..
      Però grazie del commento ;)

      Elimina
  7. Vuoi dirmi che ho l'età di tuo padre?
    Per farmi sentire vecchio?...
    Ahahh comunque sono sincero e sinceramente ti scrivo che dopo averti mandato il post mi son sentito un pò "male"per quello che ti avevo scritto.
    Però era la verità e non credo che tu voglia pietà o sconti da chi ti legge no?
    Ti auguro di tornare presto a interagire anche con il mondo reale anzi se puoi, fallo gia' da adesso non perdere tempo con il virtuale.
    Trova una giusta mediazione tra i due mondi e non lasciare mai che quello reale paghi le spese per quello virtuale.
    Vivi davvero come cantava Giorgia!
    Adesso mi dirai : te fai facile a parlare ...ma bisognerebbe provarci..e io non saprei che risponderti ti dico solo di non perdere mai la speranza.
    Ciao
    Max

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente no, anzi, sei molto più giovane, anche se l'età non conta soprattutto in ambito cinematografico, non ci sono limiti alla settima arte..
      E perché dovrei farlo se io vivo contento e felice in casa e davanti al pc, certo è virtuale ma per me è molto più reale della realtà, una realtà di questi tempi buia e ipocrita, per cui grazie del consiglio ma so io cosa è meglio per me, certo la speranza c'è ma come dici tu bisognerebbe anche trovarci e vedere come si sta, non tutti ne sarebbero capaci..
      Ciao

      Elimina