venerdì 4 marzo 2016

The Lego Movie (2014)

The LEGO Movie è uno strabiliante film d'animazione del 2014, realizzato attraverso l'utilizzo di tre tecniche cinematografiche: CGI, stop motion e live action. Ovviamente la pellicola è un viaggio attraverso lo straordinario ed immenso, nonché longevo universo dei famosi mattoncini della LEGO, che ha anche prodotto un set di giochi e un videogioco su questo primo lungometraggio perché il secondo è già in cantiere, ma dovremo aspettare almeno 2 anni. E' innegabile che questo film, riporti alla luce vecchi ricordi di gioventù e fanciullezza di tutti noi, bambini ed anche bambine, anche se a me personalmente non mi ha fatto questo effetto, non ho avuto mai a che fare con i Lego, se non raramente in altri posti che ricordi non sia casa mia. Non sono un fervido appassionato di questi set di giochi, ma conosco la sua fama mondiale, perché i Lego, erano, rimangono e rimarranno uno dei giochi più giocati al mondo. Un mondo vasto e colorato che ritorna magnificamente in auge con questo immaginifico film d'animazione, dove la fantasia prende il sopravvento. E così, i Lego (che deriva dall'unione delle parole danesi "leg godt" che significa "gioca bene") diventano i veri e unici protagonisti di questa frizzante avventura, la prima su grande schermo. Il film comunque ha investito molto, troppo, nel trailer, mostrando forse alcuni dei punti migliori: se è stato a vantaggio del marketing, non lo è stato verso la sorpresa dello spettatore. Marketing che mediaset ha sfruttato 2 giorni prima della messa in onda (sabato scorso, quando ho saputo della sua mandata), con una puntata speciale dei Simpons su questi famosissimi mattoncini gialli. Divertente e bello, la stessa cosa del film che però mi è sembrato troppo caotico visivamente, la differenza tra cinema e tv è in qualche caso abnorme. Tant'è che mi è piaciuto, non tantissimo però. Un aspetto importante della riuscita, la trama, o le trame, che potevano essere migliaia e migliaia, di quelle sognate e immaginate da tutti, grandi e piccini, e quella di questa pellicola non si discosta da questo meraviglioso, fantasioso input, la fantasia. Gli sceneggiatori lo sapevano: la trama non poteva essere uno dei pilastri del proprio film, per questo hanno deciso di non prenderla sul serio, ad esempio (auto)ridilicolizzando la profezia e molti altri cliché sparsi qua e là. Phil Lord e Christopher Miller (i due registi) come già in Piovono polpette, girano quindi un film sul valore del caos, enfatizzando ancora di più la componente anarchica del loro pensiero grazie a un protagonista che vive una vita spensierata, senza accorgersi di essere in realtà disperato e distratto dai media di un regime autocratico capace di tarpare ogni gioia attraverso le "regole".

Emmet Brickowski è un cittadino (semplice operaio, senza niente di speciale) felice di una ridente metropoli fatta di Lego di cui rispetta tutte le regole: segue la musica trasmessa dalla tv ("E' meraviglioso", simpatica musichetta), è gentile con gli altri e si reca diligentemente al lavoro (costruire palazzi) esattamente come gli viene detto di fare dalle "istruzioni". E' infatti un pezzo che fa parte di un set costruzione. Ed anche lui, come tutti, ha radicato in sé quel concetto particolare: 'Farne parte'. Difatti, segue gli altri in tutto e per tutto, come una pecora, per farsi accettare e riconoscere. Ma non sa ancora che lui è... 'La persona più importante di tutto l'Universo', secondo una 'recente' profezia. O almeno così sostiene Wildstyle, una ragazza dall'apparenza e le movenze ninja, che incontra per caso nel suo cantiere. Incuriosito la segue e per errore casca in una voragine nella quale entra in contatto con un pezzo speciale, il Kragle (che in realtà non è altro che un tubo di colla "Krazy Glue" con alcune delle lettere del logo sbiadite), che dopo averlo toccato cade nelle mani di Poliduro (un poliziotto dai due volti), uno degli aiutanti di Lord Bussines, un dittatore, tiranno maniaco dell'ordine, di diversi mondi (fantasy, west, spazio ecc. ecc.) dotato di un piano per cambiare l'universo come lo conoscono. Salvato da Lucy (il vero nome di Wildstyle, di cui è innamorato), lo porta dal saggio mago Virturius (l'inventore della profezia), il quale spiega che lui e Wyldstyle sono "Maestri Costruttori", gli unici che possiedono la capacità di costruire qualsiasi cosa di cui hanno bisogno, con grande velocità e senza l'uso di manuali di istruzioni. Si scopre così che quando Lord Business salì al potere, la sua disapprovazione di tale creatività, da lui ritenuta anarchica e caotica, causò la cattura di molti di loro. In quanto "Speciale", Emmet è destinato a sconfiggerlo (il sindaco-presidente vuole usare infatti il Kragle per immobilizzare l' universo), ma Emmet non ha nessuna attitudine alla creatività. Convinto da tutti, la sua vita viene così trasformata in quella di un avventuriero. Intraprende quindi, insieme ad altri amici eroi (inclusi Batman, Wonder Woman e una gattina stile manga) un viaggio inaspettato, complicato ed incredibile. Ma quando tutto sembrerà ormai perso, ecco che accadrà l'impensato. Sapete l'infrangimento del 4° muro, cos'è? E' quando i personaggi sono consci del loro essere osservati e provano ad 'interagire' con gli spettatori. Qui è una cosa interna, è Emmett che si rende conto dello strano e misterioso 'mondo esterno', e lo vivrà come un'esperienza extrasensoriale, psichedelica. Finché non ne prenderà coscienza. E non ci sarà più contorno distinto tra LEGO e realtà.

Il film si gioca su un doppio livello, pensato con finalità commerciali, veicolo per la casa di giocattoli e ulteriore lancio della loro linea di mattoncini (se ne vedono quasi tutte le diverse tipologie di "set"), ma anche opera tra le più interessanti di Hollywood. Nella storia ogni evento e personaggio ha un doppio significato comprensibile solo alla fine, ma anche dal punto di vista realizzativo sembra di intuire che le finalità fossero duplici. Alla stessa maniera anche la realizzazione è doppia. L'animazione stop motion realizzata con veri pupazzi Lego in veri ambienti costruiti solo con mattoncini, è infatti il 50% dell'opera, poiché in moltissimi punti (a partire dalle espressioni facciali) è in digitale che si è lavorato per animare. La fusione è perfetta perché unendo le due tecniche Lord e Miller ottengono un'esplosione di tutte le possibilità connaturate all'animazione di veri pupazzi (e nei primi piani si nota il loro essere di plastica reale) che indirizzano sempre verso una comicità originale. The Lego movie è anche geniale e folle (come il "divano a castello"), un profluvio di trovate intelligenti, demenziali e divertenti, di idee proposte con ritmo vorticoso. Abbastanza numerose le gag e situazioni buffe o simpatiche come quelle tra Superman e Lanterna Verde. Da vedere e rivedere per cogliere tutti i rimandi, il film infatti attinge a "Guerre Stellari" e rilegge "Matrix", facendo ondeggiare le sue situazioni multicolore tra il "1984" di Orwell e le tristi spersonalizzazioni del mondo reale, passando dal "vecchio West" a "Middle Zealand" (ovvero viaggiando tra i giochi e passando "di scatola in scatola"), fino al "Paese del Cucù", dove non esistono cartelli con regole da seguire e dove si celebra l'elogio del caos e della diversità, oltre a veder riunito un manipolo di "ribelli" mai visto prima: Gandalf, la tartaruga Ninja Michelangelo, campioni dei Lakers e astronauti degli anni '80, Abramo Lincoln seduto su una sedia con i razzi! E forse riderete fino alle lacrime a certe BAT-tute! I LEGO, intesi come i mattoncini, sono il perno della storia, come lo è anche la creatività di cui hanno bisogno per tramutarsi in grandi modellini. È proprio l'incastro simbolico tra i LEGO e la trama a creare una storia, sì poco originale, ma solida. Non c’è limite alla libertà ed alla fantasia e, tra "profezie inventate" e "poster con il gatto", si arriva ad una conclusione dal significato semplice ed universale, dove tutto il disegno diventa chiaro e il film si trasforma da filmetto per bambini in bel film, mettendo a confronto come in uno specchio il mondo fantastico con quello in carne ed ossa degli uomini (padre e figlio). Perché questo brillante film è un inno all'infanzia ma non solo, è ricco di pensieri adulti, seri che si possono applicare nella vita di ogni giorno e che possono persino attirare lo spettatore più filosofico. Gli insegnamenti finali non vanno certo sopravvalutati, sono molto belli e profondi. Perché l'unica cosa che serve per essere speciali è "credere di esserlo" (o che qualcuno ci aiuti a crederlo) ma attenzione: il gesto rivoluzionario più grande è tendere la mano al nemico, l'unica arma "davvero segreta" per poter esser tutti uniti ed ottenere un mondo davvero migliore. Infine, la colonna sonora, è curata e piacevole. Indubbiamente il film avrebbe meritato più considerazione agli Oscar 2015, almeno una candidatura per il miglior film d'animazione, però difficilmente avrebbe vinto con Dragon Trainer 2 e soprattutto Big Hero 6, il vincitore, tra i favoriti. Ha comunque vinto il BAFTA e Saturn Awards, mentre agli Annie awards, Miglior sceneggiatura in un film d'animazione a Phil Lord e Christopher Miller. Insomma uno dei film d'animazione di successo degli ultimi anni, e non importa se abbia vinto o meno, l'importante era intrattenere, e questo lo fa egregiamente. Buona visione a tutti.

6 commenti:

  1. e' uno dei miei film d'animazione preferiti degli ultimi anni :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello, nostalgico ed emozionante, ma anche divertente, spassoso e ironico, anche uno dei miei preferiti da adesso ;)

      Elimina
  2. FIlm interessante e divertente, in grado di citare e parodiare molte cose e a farlo nella maniera più ironica possibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, bello proprio per questo suo modo originale di fare comicità ;)

      Elimina
  3. Ho visto questo film qualche tempo fa con il mio ragazzo; ammetto che inizialmente non gli avrei dato neanche un euro: pensavo sarebbe stato prettamente infantile e che mi avrebbe quindi intrattenuto poco. Invece mi sono proprio ricreduta. E' stato piacevole, certo il lieto fine scontato ma la storia in sé non mi ha delusa, annoiata o parsa trita e ritrita.
    E poi diciamolo, il motivetto "E' meravigliooosoooo, è meraviglioso far parte di un team!E' meravigliosoooo" ti resta in testa tutto il tempo xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, non è per niente infantile, anzi, ironico e divertente.
      La canzoncina è veramente stupenda, per due giorni l'ho cantata ininterrottamente ;)

      Elimina