mercoledì 9 novembre 2016

Il viaggio di Arlo (2015)

Il viaggio di Arlo (The Good Dinosaur) è un bellissimo ed emozionante film d'animazione del 2015 diretto da Peter Sohn, e realizzato dagli stessi creatori del capolavoro Inside Out, di cui riprende alcuni temi già visti proprio nel precedente film della Pixar, il ruolo della famiglia, l'importanza dell'amicizia, la crescita personale in seguito ad imprevisti e difficoltà. In estrema sintesi infatti, questo è il racconto di formazione di un piccolo dinosauro (Arlo) che si trova a lottare in un mondo preistorico aggressivo ed ostile contro le forze malvagie della natura e contro animali prepotenti. Un film che aiuta a crescere affrontando tematiche non poco banali ma comprensibili anche per un pubblico infantile. Ci troviamo davanti ad un opera che è davvero 'per tutti'. Le vicende che avvengono nel film hanno un impatto forte ed efficace, senza mai cadere nel banale o in situazioni timide o velate per qualsiasi tipo di spettatore. E proprio attraverso gli occhi (e la mente) di Arlo lo spettatore è reso partecipe di un'avventura in un mondo diverso da come ci si può immaginare, una interessante proposta di visione, davvero originale, nel film difatti, ci troviamo di fronte ad una realtà alternativa, ad un mondo in cui i dinosauri (poiché l'asteroide destinato a causare la loro estinzione non giunge alla collisione con la Terra) hanno acquistato una capacità tecnologica da pre-rivoluzione industriale e gli esseri umani prendono il ruolo di 'animale', fatto alquanto insolito come il rovesciamento che sta alla base della storia, con questi dinosauri che sono creature evolute, sanno esprimersi a parole e fanno una vita stanziale, essendosi trasformati da cacciatori a coltivatori, mentre gli esseri umani vivono allo stato brado, si esprimono a grugniti, rubano il cibo, ma hanno un gran coraggio e un forte istinto di sopravvivenza. E l''amicizia che scaturirà fra Arlo e Spot, il cucciolo d'uomo, molto somigliante a Mowgli de Il libro della giungla, è simbiotica poiché ciò che manca all'uno abbonderà nell'altro, e viceversa. Il loro è infatti un percorso iniziatico che li porterà a maturare ma anche a riconoscersi come appartenenti a razze diverse, non per questo incompatibili. Perché la tematica principale del film è il viaggio, un viaggio (emozionante e intenso) che segna il passaggio dall'infanzia all'età adulta, attraverso personaggi molto particolari e significativi.

Carino, simpatico, a tratti commovente, queste sono infatti le principali qualità de Il viaggio di Arlo, un film ricco di cuore, azione e un dolcissimo senso dell'umorismo, ma anche di momenti di riflessioni, momenti accompagnati da situazioni tranquille e/o divertenti, formando così un perfetto equilibrio, appassionando e facendo viaggiare chiunque si trovi alla visione. Come detto la storia è indubbiamente ma meravigliosamente insolita, originale e curiosa, a cui però non segue, lo sviluppo di una trama del tutto interessante, sembra infatti di assistere ad un copione già visto, in cui il protagonista, dopo essersi smarrito in seguito ad un imprevisto, inizia ad intraprendere il viaggio di ritorno verso casa. La narrazione diventa così piatta, priva totalmente di colpi di scena. Ma se la trama è elementare e piuttosto prevedibile, e il contenuto è criticabile, la forma è da lodare, le caratterizzazioni sono gustose anche per il pubblico over-10, la storia poi mostra un certo coraggio nell'affrontare il tema del lutto, dell'appartenenza alla propria famiglia, di nascita o di elezione e soprattutto gli effetti grafici e le ambientazioni sono spettacolari, con un livello di dettaglio sorprendente. Addirittura osservando alcune scene che rappresentano un paesaggio o un panorama, è veramente difficile distinguere se si tratta di realtà o creazione computerizzata, lo stesso discorso va fatto per la realizzazione degli effetti dell'acqua (da sempre una spina nel fianco per i film in computer grafica) e del vento sui fili d'erba, semplicemente sbalorditivi. Il risultato è quindi una meraviglia per gli occhi e un dono per il cuore. Il top dell'animazione oggi, dunque, anche se Il viaggio di Arlo non è il cartone animato più riuscito della Pixar.

In ogni caso l'animazione è al suo meglio nella ricostruzione dei panorami primordiali, mostrando passi da gigante nella resa dell'acqua e dei fenomeni naturali: vento, polvere, tempesta, campi di grano ondeggianti, nuvole in viaggio, stormi di uccelli e lucciole in volo, ognuno fa a gara per stupirci. Inutile ovviamente dire che le immagini sono anche enormemente evocative, ma la pellicola non si fa prendere troppo dal buonismo e nulla è particolarmente edulcorato. A sintetizzare poi l'apporto Disney unito a quello Pixar, una irresistibile (ho pianto, non molto, ma ebbene sì in un paio di occasioni ho ceduto) tenerezza di fondo, qualcosa che non possiede nulla di ricattatorio o di ruffiano, bensì qualcosa che attiene alla natura umana e alle sue insopprimibili reazioni emotive. Il film per questo è bellissimo. Il tutto come detto su uno sfondo naturale di una bellezza inimmaginabile, dove lo staff Pixar ha dato il meglio del suo meglio, ricostruendo in digitale panorami e scenografie da mozzare il fiato (montagne, fiumi, cascate e quant'altro). Scenografie così straordinarie che addirittura di fronte a queste ambientazioni stona un po' la figura fin troppo stilizzata e semplificata del dinosauro Arlo, che comunque è stata studiata dalla Pixar per un pubblico principalmente di bambini. Anche se comunque alcune scene presentano degli elementi e dei messaggi che solo i "grandi" possono cogliere. Il genio di Lasseter e dei suoi ha poi voluto imprimere alla vicenda una cadenza (anche musicale) dal geniale sapore western, arricchendola con immagini e situazioni da paesaggio di frontiera. Il finale è commovente ed esalta il valore della famiglia, ma con molta dignità, evitando derive dolcificate o melense. Insomma, un film ben realizzato e adatto ad un pubblico giovane, seppur la trama poteva essere curata meglio. In conclusione però, nonostante dalla Pixar ci si aspetta qualcosa di più, è un film che con buon gusto ed eleganza si fa apprezzare. In definitiva una meraviglia, un gioiello di tenera fantasia e di affettuosa serenità. Consigliato. 7/10

Ti potrebbe anche interessare:

10 commenti:

  1. Lo considero davvero un ottimo film, peccato che è stato poco considerato. Chi non l'ha visto si è perso qualcosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti è passato un po' in sordina, quasi snobbato, come altri d'altronde ma in questo caso è davvero un peccato perché è un film originale, simpatico e tanto bello, sia emotivamente che visivamente ;)

      Elimina
  2. E insomma mi toccherà recuperarlo, l'avevo snobbato anche io!

    RispondiElimina
  3. Buonasera Pietro ... se tu hai pianto poco io al contrario non mi sono risparmiata! ^_^ ... l'ho trovato profondo e di un genuino sentimentalismo che davvero non guasta oltre che ad alcune sottigliezze, come già detto da te, che si - saranno un po' per noi grandi - ma che tutto sommato se spiegate bene ai bambini lasciano dei buoni segni; guardo molto l'animazione perché molto spesso si dimostra esser migliore/superiore di tanti altri generi spesso sopravvalutati ... ma si sa ... De gustibus non disputandum est ...
    saluti, a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh ci credo, d'altronde la Pixar è famosa proprio per questo, per far emozionare e farci riflettere, in più con un'ottima animazione ci riesce ancora meglio ;)

      Elimina
  4. Ho notato una "controllata" diffusione di gadget ma sentito veramente poco in merito al film.
    Devo assolutamente recuperare.
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma è naturale che ciò accadesse, senza merchandising non si va da nessuna parte, comunque in effetti non solo se n'è parlato poco ma anche l'hanno apprezzato poco ma il film vale tantissimo perciò non perderlo :)
      Grazie a te, ciao ;)

      Elimina
  5. Non innovativo ma comunque molto gradevole e ben fatto, sicuramente da vedere!

    RispondiElimina