domenica 7 febbraio 2016

[Attualità] Io, Arlecchino

No, questa non è la recensione dell'ultimo film di Giorgio Pasotti dall'omonimo titolo, che comunque non ho visto, ma parla di una cosa in comune, nel film infatti Pasotti interpreta un figlio di un attore di teatro che ritorna al paese natio con una gran voglia di riportare in palcoscenico il suo personaggio più riuscito, Arlecchino, l'unica mia maschera che portavo da piccolo a carnevale. A quei tempi (anni 90 o giù di li), anche se già esistevano costumi di supereroi ed altro, si usavano sopratutto costumi classici, più facilmente reperibili o da cucire, e di quello che ricordo del costume che indossavo (la foto più giù ne è una prova) uno è quello di Arlecchino, un personaggio bello, buffo, divertente e coloratissimo, ma soprattutto solare. Ricordo però di aver indossato una volta (ma i miei neanche si ricordano) un costume da pagliaccio, ma è un ricordo molto vago. Addirittura credo di essermi anche vestito, come mio fratello alcune volte, da punk, ossia da robe vecchie, jeans scritto e colorato, e maglione del nonno (quanto eravamo ingenui). Comunque passando ad Arlecchino, è una maschera-costume che mi piace tanto, a suo modo, a me adatta, perché dicono di me che rido sempre, ecco spiegato, il costume mi si è incastrato...no scherzo, rispecchia un po il mio carattere anche se non mi piacciono per niente le feste, si perché fino a poco tempo fa, saranno passati 20 anni dall'ultima volta, andavo ai veglioni di carnevale, o il giovedì dei 'pcciaridd' (giovani) o il martedì grasso, ma non mi sono mai divertito granché. Le uniche volte erano alle sfilate dei carri in cui potevo indossarlo, per poi ritrovarmi coriandoli da tutte le parti. Non sfilate qualsiasi ma quelle del carnevale più vecchio d'Italia, di Putignano.

Ovviamente non è che non mi divertivo per niente alle feste, ma ero e sono timido, anche se per divertirmi, adesso più che allora, mi basta un po di musica, un bel film, un gioco o qualcosa da fare, non ho bisogno di alcun espediente per divertirmi e stare in pace con me stesso. Ho sempre adorato il carnevale per i colori, l'atmosfera, le luci, la gioia ma anche per i dolci tipici di questa festività. Uno su tutti le 'chiacchiere' che purtroppo non posso più mangiare in quanto fritti. Attenzione paese che vieni nome che trovi, perché sicuramente nel vostro paese che non sia il mio, le 'chiacchiere' vengono chiamate in tanti modi, per esempio 'cartellate' o in altro modo. C'è in corso, da secoli e secoli, una disputa su questo argomento, l'importante è che sono buone da mangiare. Quest'anno poi, è arrivato così presto che quasi non me ne accorgevo, se non dal calendario, ho tagliato i ponti tra feste e sfilate, ma come dico sempre i ricordi e la nostra memoria quando riaffiorano fanno rivivere momenti persi o solo dimenticati, ma che rimarranno per sempre in noi, con noi. Il mio piccolo viaggio è in dirittura d'arrivo, non mi resta quindi che augurarvi un sereno Natale, ops..Carnevale! Si scusatemi ma come dicevo poco fa è arrivato così 'basso' quest'anno che Pasqua cade a marzo, il tempo passa così velocemente. Buon Carnevale a tutti!

2 commenti: