venerdì 26 febbraio 2016

Le altre serie tv (Gennaio-Febbraio 2016)

Agent Carter è una nuova ed esclusiva mini-serie targata Marvel che dedica il giusto spazio al personaggio di Peggy Carter, interpretato da una memorabile Hayley Atwell. Andata in onda in esclusiva assoluta da Sky Cinema dal 2 al 23 febbraio, in otto incredibili episodi. Peggy Carter non è certo un nome nuovo per gli amanti delle produzioni Marvel. Nata nel 1966 dalla mente di Stan Lee e dalla penna di Jack Kirby, l'avevamo già vista in azione nei due film dedicati a Captain America. Ora, dopo un cortometraggio del 2013, lo show tv su questo personaggio affascinante e ricco di sfaccettature. Ormai è una presenza fissa del Marvel Cinematic Universe, è finalmente ha avuto a disposizione uno spazio tutto suo. Questa mini-serie mostra la nostra beniamina nell'immediato dopo Guerra, a un anno di distanza dalla (presunta) morte del "primo vendicatore" Captain America, impegnata a portare avanti una missione segreta affidatale da Howard Stark (papà di Tony Stark/Iron Man) e al contempo a condurre una vita "normale" come qualsiasi donna dell'epoca, con un lavoro d'ufficio alla Strategic Scientific Reserve. Il che significa scontrarsi con i tanti pregiudizi riservati alle donne sul posto di lavoro... e non solo.

Ma l'agente Carter non è certo una da farsi mettere i piedi in testa, come dovranno rendersi presto conto i tanti maschietti che le stanno attorno. Magari Peggy non avrà superpoteri come alcuni suoi conoscenti, ma di sicuro ha grinta e intelligenza a sufficienza da poter rientrare nel novero dei "super" della Marvel. Ma nell'anima della serie e della nostra eroina c'è lo zampino di Hayley Atwell, che incarna il personaggio su grande e piccolo schermo. Dotata non solo di un fascino d’altri tempi, ma anche di un grandissimo talento, l'attrice inglese entra di diritto nel cuore del pubblico, determinando il suo inaspettato successo, perché negli Stati Uniti è già arrivata la seconda stagione della serie. Gli otto episodi di Agent Carter rendono quindi giustizia a un  personaggio che ha tantissimo da dire e che si attesta come uno dei più interessanti del Marvel Cinematic Universe. Una serie interessante, coinvolgente, le stupende musiche degli anni 50, con i soliti cliché dell'epoca. C'è humour, azione, c'è sangue tanto sangue e tanti morti. Da non perdere.


Quantico (la prima parte della prima stagione, 11 episodi, da novembre a gennaio su Fox) è una nuova, innovativa ed entusiasmante serie tv americana, dove tutto non è come può sembrare, e dove tutti non sono chi dicono di essere. La serie racconta di un gruppo di reclute dell'FBI che sono state selezionate per il loro addestramento presso la Training Academy dalla quale prende il nome la serie. Fra di esse spicca Alex Parrish (interpretata dalla bellissima Priyanka Chopra, nientemeno che ex Miss Mondo 2000), la migliore cadetta del corso, che sarà accusata di aver organizzato il più grande attentato dopo quello avvenuto l'11 settembre. In un continuo susseguirsi di colpi di scena e flash back verranno via via a galla le trame ed i fatti più nascosti di ognuno dei protagonisti, fra i quali sarà davvero difficile intuire chi sia il reale colpevole. Perché tra di loro c’è un traditore, qualcuno che innescherà una bomba e organizzerà il più grave attentato mai visto dopo l'11 settembre. Chi sarà? Chi tra di loro si è finto fedele alla causa della Nazione mentre in realtà organizzava un attentato? Alla fine di queste prime puntate, caotiche, nel senso che è tutto così intricato e offuscato, che quando forse capiamo il colpevole, un esplosivo colpo di scena all'ultima puntata, cambierà tutto. E la situazione per la nostra beniamina si farà dura quando ad Aprile, con molta probabilità, ricomincerà la serie, una delle migliori dell'anno. Ovviamente come in tutte le serie ci sono punti a favore e sfavore. Sicuramente ha il pregio di intrattenere e coinvolgere molto bene, ma le giovani reclute più che uomini e donne, sono ragazzi e ragazze, con i loro problemi di cuore, senza tralasciare piccanti evoluzioni. Lasciare il mondo nelle loro mani ancora inesperte mi sembra una forzatura, ma tant'è che senza, la serie non avrebbe senso. Da seguire.

Eccezionale, simpatica e divertente, è la serie imperdibile, quella de I Muppet. Dopo quasi vent'anni d'assenza dal piccolo schermo, tornano i muppet, anzi, sono già tornati su Fox a dicembre (6 puntate). Ma dal 4 marzo, la favolosa e spiritosa rana Kermit, Fozzie e tutta la compagnia dei pupazzi più famosi della TV torneranno su Fox con i nuovi episodi, in prima visione assoluta. La serie è girata con uno stile mockumentary che racconta le vite dietro le quinte dei Muppet durante la produzione di Up Late with Miss Piggy, un talk show fittizio presentato da Miss Piggy (la più glamour, la più splendida fra tutte le star, che ottiene sempre quello che vuole), una parodia di show mockumentary come tanti altri americani. Come da tradizione, nello show, vengono spesso accompagnati sul set da tantissime star. Nella prima parte star del calibro di Liam Hemsworth e Reese Witherspoon. In questi nuovi, il grandissimo Dave Grohl, che sfiderà a colpi di grancassa il buon Animal, ma anche Jason Bateman e Joseph Gordon-Levitt, ma questa è solo solo una manciata di nomi! Un vero e proprio pienone di guest star che si presteranno a giocare con i pupazzi più famosi della TV. Ma le vere star rimarranno sempre e solo loro: Kermit e Miss Piggy! Comunque nella serie, a guastare i piani di Kermit la Rana arriverà un oscuro personaggio di nome Pache, che cercherà di prendere in mano il controllo dell'Up Late With Miss Piggy. I sogni di gloria di Kermit e lo Show della sua eterna compagna sono dunque a rischio? Mah speriamo di no. A me la serie diverte molto, la sua irriverenza e allegria, ma anche grazie alla simpatia mista a sagacia ed ironia della divertente combriccola di pupazzi. Non sai cosa aspettarti, e quando in scena entra un personaggio famoso fai quasi fatica a crederci. Insomma da non perdere.

E' bastato un anno e una sola stagione a fare di Empire una serie cult, trash all'inverosimile ma con la musica nel sangue che rende la serie una delle più viste e ascoltate in assoluto. E' un musical drama di spessore, le canzoni sono tutte originali, coordinate da un certo Timbaland e con un cast di tutto rispetto, tra cui spicca il 'leone' Terrence Howard e una trashissisima Taraji P.Henson. Il capo di questa grande etichetta (Lucius Lyon, ex deliquente), cerca di gestire non solo artisti più disparati, ma anche i suoi tre figli e la tremenda ex moglie (ex spacciatrice e testimone), in eterno conflitto per l'amore ma soprattutto il potere. Alla fine della prima stagione è stato Jamal ad assumere il controllo dell'azienda, mentre gli altri due delusi e rammaricati figli, cercano altri modi di andare avanti. Ma nella prima parte della seconda stagione (Fox, 10 puntate da ottobre a dicembre 2015, gli altri restanti episodi sono previsti per Aprile), per loro i problemi non finiranno, perché anche se Lucius è finito in galera daranno filo da torcere al padre, così come lui che nonostante grossi grattacapi uscirà poi di prigione tornando così a comandare perché il boss, il grande capo indiscusso è sempre e solo lui. Soprattutto il figlio più piccolo (arrabbiato e disilluso) e la moglie (un animale in gabbia), cercheranno di cambiare gli equilibri creando una propria etichetta. Ma dopo numerosi colpi bassi alla fine di questa mezza stagione il colpo di scena (anzi due) che non ti aspetti, tutto verrà di nuovo sconvolto. La mini-stagione rispetto alla precedente risulta ancora più trash del solito, ma intrattiene alla grande, grazie alle spettacolari esibizioni, canzoni e a una storia più avvincente e intricata della scorsa. Come nella prima l'appeal della serie ha portato ad avere sempre più guest star, dal cinema, da Chris Rock e Marisa Tomei, dalla musica, da Pitbull e Ne-Yo, da Jason Derulo e Alicia Keys, più tanti altri tra cui 'l'odiosa' Naomi Campbell nella scena più trash e incredibile di tutte (chi l'ha vista sa a cosa mi riferisco). Grazie ad un pizzico di follia e la fluidità della sceneggiatura, più vivace e coinvolgente, la serie è imperdibile.

Under the dome (su Rai 2 da luglio 2014-settembre 2015) è una serie di genere fantascientifico, basata sul romanzo The Dome (Under the Dome) scritto da Stephen King, e racconta le avventure dei cittadini di Chester's Mill rimasti intrappolati sotto un'enorme cupola. Dopo tre stagioni la serie si è conclusa poco tempo fa, dopo la prima stagione (andata in onda circa due anni fa) ho solo recentemente visto la seconda e terza stagione, recuperata in streaming. All'inizio la serie ha avuto enorme appeal grazie anche e soprattutto a King, mi aspettavo infatti una serie di grande livello, invece era solo un prodotto di nicchia e serie B, poiché se all'inizio sembrava un grande soggetto, tutto si è poi trasformato in 'caciara', poca suspense e azione, horror assente, fantascienza troppo celata. Dopo la prima hanno comunque deciso di continuare, e non so perché ho voluto rivederlo, forse la curiosità, una delle cose che accomuna certe serie, altrimenti inutili. Mai scelta fu sbagliata, in queste due stagioni però è importante sottolineare il caos ma soprattutto una storia troppo assurda. Certamente il soggetto è quello che è, ma mi aspettavo qualcosa di meglio, personaggi antipatici (che non muoiono mai, neanche all'ultima puntata, in primis Jim), cast di bassissimo livello, storia inconcludente. Solo alcune puntate, quando risolvono catastrofi o situazioni strane sarebbero da salvare, come invece non dovrebbe la serie che infatti non ha riscosso alcun successo. Da King mi aspettavo veramente qualcosa in più, ma ciò non toglie che sia un grande, ma questa serie però è da buttare.

2 Broke girls è una bizzarra ma divertente sitcom statunitense (in onda dal 2011), solo poche settimane fa è andata in onda su Italia1 (dal 7 gennaio al 4 febbraio, anche su Fox) la quarta stagione. Una serie sei volte candidata agli Emmy Awards, un solo premio però vinto nel 2012 (miglior direzione artistica). La serie ha per protagoniste due ragazze, agli antipodi e diverse come carattere ma amiche, che cercano in tutti i modi di sbarcare il lunario, ma inutilmente. Una trama ovviamente non c'è ma in ogni puntata c'è qualcosa di divertente da vedere, e qualcosa di volgare da sentire, ma mai direttamente. In una tavola calda di Brooklyn, gestita da un personale oltremodo singolare, Oleg, il perverso cuoco d'origini ucraine, il proprietario Han, un timido e impacciato immigrato coreano e Earl, l'anziano cassiere con la passione della musica e non solo, lavora Max (la strepitosa Kat Dennings, che praticamente amo), una cameriera risoluta, sarcastica, rozza e anticonvezionale. Un po' disillusa per via della sua condizione sociale, la ragazza vede di conseguenza la vita con molto cinismo; tuttavia possiede delle grandi doti culinarie che esprime attraverso la sua specialità, i cupcake. La sua vita cambia quando le viene affiancata una nuova collega, Caroline, una ex rampolla dell'alta società caduta in rovina. Maldestra e del tutto incapace nel mestiere, stabilirà con lei una bizzarra ma sincera amicizia. Nonostante l'apparenza, Caroline è una ragazza decisamente sveglia, dotata di molta inventiva e di uno spiccato senso imprenditoriale, che grazie alla maestria culinaria dell'amica cerca di mettere insieme quanti più soldi possibili per avere successo. Ma purtroppo niente va come ci si aspetta e il fallimento imprenditoriale e non solo quello è sempre dietro l'angolo. Del gruppo fa parte anche Sophie, eccentrica vicina di casa, una donna in carriera che le prende in simpatia e le aiuta a emergere nel difficile mondo degli affari. Ma la forza della serie (già in cantiere la quinta stagione) è in queste 'sfortunate' ragazze che con il loro cinismo, e la loro esuberante ironia, nonché qualche battuta irriverente ci fa divertire, ridere e ridere.

4 commenti:

  1. Ho visto la prima puntata di Quantico ma non mi ha colpita particolarmente :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh una puntata non fa testo, però se non ti ha colpita l'inizio, difficile che migliori, comunque ti suggerisco se ti va di vederlo ;)

      Elimina
  2. Quantico avevo visto la prima serie.
    La seconda è sul decoder registrata ma ancora non l'ho iniziata.
    Il problema che avevo avuto con la prima è che la serie è talmente complicata che la pausa tra la prima e la seconda parte mi aveva incasinato ancora di più.
    Devo controllare a che punto è la seconda.

    Agent Carter l'avevo visto in inglese e mi era piaciuto parecchio.
    Non so però se è uscita la seconda...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io c'è l'ho registrata la seconda di Quantico, ma al momento sembra essere in pausa...però non so quando ricomincia, comunque siccome anch'io ho avuto difficoltà a seguire il filo tra prima e seconda parte, la vedrò quando avrò tutte le puntate :)
      Sì la seconda di Carter è già uscita e vista, c'è la mia recensione di ottobre o novembre..non ricordo di preciso, comunque è buona anche la seconda ;)

      Elimina