giovedì 20 luglio 2017

L'era glaciale: In rotta di collisione (2016)

Quinto capitolo di una saga longeva e molto amata, ma L'era glaciale: In rotta di collisione (Ice Age: Collision Course), film d'animazione del 2016 diretto da Mike Thurmeier, è probabilmente l'episodio più debole, inferiore al già non brillantissimo film precedente. Le ragioni sono fisiologiche, una delle leggi del cinema smentite raramente da poche eccezioni afferma che i sequel siano in genere molto più deboli del film capofila, lo è anche con L'era glaciale che dopo il bell'esordio del 2002 non ha saputo reinventarsi troppo tranne per l'episodio 3, quello coi dinosauri, dove gli sceneggiatori riuscivano con un escamotage mettere insieme animali vissuti in epoche diverse. In questo capitolo 5 si naviga invece un po' a vista, si accumula la scena di personaggi, tanti, praticamente tutti quelli presenti nei capitoli precedenti con il risultato di togliere tuttavia spazio alle figure storiche, decisamente più divertenti (Sid, su tutti, assai sacrificato, mattatore vero nei film del passato e ora presenza costretta quasi ai margini). In cambio, si acquista poco, solo una figura ci fa convinto in termini comici, lo scorretto Buck che ha anche le battute e le situazioni migliori, il resto è un po' poco, compresi degli antagonisti poco efficaci e praticamente inesistenti. Nel film poi, oltre a non accadere praticamente nulla, il continuo susseguirsi di gag poco divertenti mette il pubblico nella disperata attesa di qualcosa di tremendamente buffo che non arriva mai. Di buffo (anche se meno esplosivo del solito nella sua cornice narrativa) rimangono solo i battibecchi slapstick tra lo Scoiattolo Scrat e la sua ghianda, questa volta su una navicella aliena, che provocherà appunto la rotta di collisione, come suggerisce il titolo, che spingerà Sid, Manny (doppiato non benissimo dal comunque bravo Filippo Timi), Diego e il resto dei loro amici, ad intraprendere un avventuroso viaggio verso nuove terre esotiche per salvarsi.

Non il massimo insomma, anche se nel complesso si rimane affezionati a figure che ci hanno accompagnati in così tanti anni, purtroppo ci si diverte di meno, il ritmo invece (che nei film precedenti non era mai mancato) è meno trascinante e si avverte quindi una sensazione di stanchezza. Arrivata al quinto capitolo, la serie "Ice Age" ha infatti perso il mordente adatto per soddisfare grandi e piccoli. Il genuino e geniale divertimento dei primi 3 capitoli è qui ridotto ad un concentrato di gag dall'umorismo futile ed infantile. E come già riscontrato nel precedente "Continental Drift", il plot principale è in realtà una scusa per arrivare, tramite banali siparietti comici, al classico ricongiungimento del nucleo familiare felice e contento. Il film difatti, diviso in due parti (lo struggimento di Scrat e la vita sulla Terra) è alquanto (troppo) prevedibile e scontato. Ovviamente la prima parte è quella che piace di più, ironica, surreale, imprevedibile. La seconda parte che racconta vicende ben note e scontate invece non tanto, ovvero l'addio alla casa dei genitori da parte di chi ha deciso di sposarsi, la ricerca di una fidanzata, la smania del potere e del controllo, la stupidità ma anche l'allegria e la voglia di giocare e divertirsi. Certo, per il pubblico dei giovani spettatori c'è spazio per alcune riflessioni, per rivedere nel mondo misterioso e fantastico dei cartoni animati storie e vicende di adulti che ancora non capiscono e che tra pochi anni saranno importanti anche per loro, ma è davvero poco per appassionare e consigliare questo film.

Film che in verità così brutto non è (a esser sinceri non mi è del tutto dispiaciuta questa nuova avventura), dato che tecnicamente è un film d'animazione valido, un lavoro di computer grafica molto accurato, soprattutto nelle movenze dei personaggi, ma dopo aver visto tutti gli episodi della saga, questo quinto capitolo è sicuramente il più deludente. Nonostante lo stesso sembra migliorarsi in alcune cose, come il ripescaggio del furetto Buck (che ha la voce nella versione originale dell'istrionico Simon Pegg), che riesce (ravvivando dalla sonnolenza generale lo spettatore) in qualche modo a risollevare le sorti della saga e del film, che però è lontano anni luce, come detto, dal primo capitolo e dal terzo (quello che mi aveva divertito di più), poiché anche qui gli altri personaggi fanno ormai il compitino senza alcun guizzo. Gli ultimi minuti del film poi, risultano troppo infantili e allungati, con scene poco ispirate. Infatti non basta questo continuo "presa/non presa" (nei confronti di Scrat), strepitosa citazione ai classici targati Warner Bros con protagonisti Willy Coyote e Beep Beep, il roadrunner, ed il livello tecnico eccellente a sorreggere un film generalmente poco riuscito. Difatti, l'umorismo dolce, intelligente ma allo stesso tempo folle dei primi capitoli sembra essere svanito del tutto per lasciare spazio ad uno zuccheroso ed esageratamente puerile. 

Ed è un vero peccato, non solo perché un soggetto così interessante (quello dei mammut, l'estinzione e il divertimento) è stato sprecato in questo (mal) modo, ma soprattutto perché L'Era Glaciale: In Rotta di Collisione, più che leggero risulta superfluo, come un episodio allungato nato dagli avanzi degli altri quattro capitoli, montati alla rinfusa attorno a una nuova disavventura di Scrat. Scrat che in ogni caso, come le stupende trovate, è sempre divertente, addirittura l'unico motivo per seguire delle vicende sempre uguali da 15 anni. Giacché se il primo capitolo mostrava una variopinta combriccola di personaggi unita insieme loro malgrado con una trama che portava lo spettatore a seguire una vicenda portata a far capire come personaggi così diversi potessero alla fine coesistere insieme, con i successivi capitoli è diventata via via una sequenza di situazioni comiche "on the road" sempre più simili uno dall'altra. Ma probabilmente l'errore più grave è stata la non originale e ormai desueta decisione di condire tutto (soprattutto quest'ultimo film) con gli inevitabili (e poco interessanti) problemi famigliari e personali dei vari protagonisti. In ogni caso questo film, la sufficienza la strappa perché comunque sono storie e personaggi a cui sono affezionato da anni e che fa sempre piacere rivedere all'opera, anche se spero la saga chiuda qui. Ma se nel caso non accadesse, spero in un eventuale film dedicato solo ed esclusivamente alle avventure del mitico Scrat, sarebbe la ciliegina su una torta buona ma diventata oramai rancida. Voto: 6

8 commenti:

  1. Buck e la nonnina sono l'unico motivo di gioia di un film nato già vecchio. Peccato, pensare che ero una fan scatenata del primo L'era glaciale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, sembra come se la saga sia stata "congelata" in chiave di scrittura, niente di nuovo, niente di fresco, sempre le stesse cose e solo Scrat funziona davvero, un peccato proprio perché si poteva e doveva decisamente fare meglio!

      Elimina
  2. Il quinto capitolo dell'Era glaciale non l'ho ancora visto. Purtroppo a forza di dilungare la saga si rischia di ripeterla in continuazione. I primi due film secondo me sono i migliori, comunque guarderò anche questo! Ottima recensione Pietro! 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed infatti l'hanno allungata troppo secondo me, anche se una visione leggera la merita, per cui buona visione ;)

      Elimina
  3. Ciao come stai?
    Complimenti per la nuova veste grafica del blog...rispetto a quella precedente denota un non so che di maturita'..!
    Per quanto riguarda il film anche io l'ho trovato noioso e mi ha entusiasmato sicuramente meno degli altri precedenti.
    Anche Scrat non ha brillato come il suo solito.
    Speriamo in meglio per l'episodio sei.
    Volevo chiederti qualcosa che con il film non centra niente ma vedo che a te piacciono le serie televisive e volevo sapere se sai qualcosa su una serie che sto aspettando con ansia THE INHUMANS?
    Ciao e buone vacanze.
    Massimiliano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, abbastanza bene ;)
      Grazie, sì, è quello che penso anch'io :)
      Io invece spero non facciano il sesto se non cambiano e migliorano tante cose, altrimenti non avrebbe senso farlo..
      Sinceramente non conosco molto la serie Inhumans, so solo che debutterà a settembre in America, in Italia invece non so niente, se, dove o quando...
      Buone vacanze anche a te :D

      Elimina
  4. Allora te lo dico io.
    A settembre probabilmente verra' distribuito un film di due ore circa nei cinema Imax (non chiedermi cosa sono) poi la serie in 8 episodi debutterà sempre a settembre nei canali fox (credo siano a pagamento, quindi aspetterò il DVD).
    Come avrai intuito ho molte aspettative per questa serie...girano già le prime immagini e i trailers su youtube..
    non faccio giudizi ,è troppo presto.
    Ho chiesto a te se sapevi qualcosa di più essendo tu un blogger pensavo avessi qualche risorsa in più di noi comuni mortali..ahaha!!
    Grazie lo stesso , ciao Pietro
    Max

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se sarà su Fox anche in Italia allora molto probabilmente la vedrò, perché ho Sky :)
      Comunque essere blogger non vuol dire sapere tutto, e poi ora basta cercare su Google per avere tutte le risposte, ciao ;)

      Elimina