martedì 26 febbraio 2019

I vincitori e le mie considerazioni su i Premi Oscar 2019

Mai come quest'anno è stato difficile trovare un film che spiccasse su tutti gli altri, mai come quest'anno è stato difficile pronosticare i vincitori, mai come quest'anno è stato reso evidente come per comprendere meglio e/o qualcosa sui film candidati quest'anno bisognasse vedere il suddetto film, ma purtroppo al cinema non posso andare, ed anche se potessi non facilissimo è vedere tutti i film, giacché non tutti sono in programmazione prima della cerimonia ufficiale, e infatti non ho potuto fare altro che pronosticare a simpatia o a conoscenza, e realisticamente sulle mie doti di appassionato non proprio eccellenti, ed il risultato si è visto, su 24 ne ho azzeccati soltanto 8. Eppure su questi numeri bisogna puntualizzare su un dato importante, ancor peggio dell'anno scorso (qui tutto il mio resoconto) difatti, come a ribadire che le idee sono parecchie confuse, o più semplicemente non c'è stato il Film dell'anno, una dispersione di premi c'è nuovamente stata. E in tal senso le polemiche divampano, anche perché non solo le previsioni sono state completamente stravolte (le candidature a volte sono un'arma a doppio taglio), ma purtroppo ha preso il sopravvento il politicamente corretto (e non solo in tema razziale), seppur in questo caso niente di clamoroso (a parte in un caso specifico), perché sembrerebbero (almeno secondo critici e quant'altro) giusti riconoscimenti a pellicole davvero belle ed interessanti. Però, c'è un però, in una cerimonia abbastanza banale e monotona (a parte l'eccezionale introduzione iniziale), per la prima volta dacché mi ricordi senza un conduttore ufficiale, ma comunque paradossalmente migliore della precedente (senza gag e sketch ridicoli, e battute imbarazzanti) tante sono state le sorprese in positivo ma tante anche in negativo. Su tutti l'assurdo premio Oscar agli effetti visivi rifilato quasi senza motivo a First Man, che a battuto lo straordinario comparto visivo di Avengers: Infinity War, e quello molto simile, come livello, di Ready Player One. L'altro, anzi, gli altri, al cinecomics meno bello dell'MCU.
Parlo ovviamente di Black Panther, che va bene che i costumi (anche da me pronosticati) potevano anche farcela, e infatti quel premio (meritato o no) l'ha vinto, ma mi è sembrato esagerato quello alla colonna sonora, una colonna sonora senza guizzi al contrario della canzone, che però niente poteva fare contro Lady Gaga e la sua Shallow nel film A Star is born (che fortunatamente di premi non ne ha vinti altri), ma soprattutto quello alla scenografia, bella e kitsch però palesemente computerizzata, più che in altre occasioni. Al contrario una bella sorpresa arriva (anche se ancora non l'ho visto e non posso ancora giudicare con cognizione di causa, un po' come per tutti giacché ne ho visti solo 4 in totale) da Bohemian Rhapsody, vincitore di 4 premi Oscar, quello come attore protagonista con Rami Malek (l'avevo intuito dai tempi di Mr. Robot che avrebbe spaccato), che tuttavia sconfigge il nostro amatissimo Viggo Mortensen, quello del montaggio (ci può stare), del sonoro (ci può stare) e del montaggio sonoro, quest'ultimo senza dubbio scippato invece ad A quiet place. A proposito di Viggo, per fortuna il suo film snobbato non è stato, anzi, perché Green Book si porta a casa il premio più importante, quello del miglior film, quello dell'attore non protagonista, non sembrava possibile ma in tre edizioni Mahershala Ali vince il suo secondo Oscar dopo quello per Moonlight (che in verità non mi ha convinto vedendolo in azione), e infine quello per la sceneggiatura originale, che un po' a sorpresa viene vinto a discapito del film più disturbante e interessante di questa edizione, ovvero La favorita, che si deve accontentare (e attenzione aveva ricevuto 10 candidature) del premio come migliore attrice protagonista ad Olivia Colman (povera Glenn Close, e non ditegli che assomiglia a Meryl Streep mi raccomando). E rimanendo in ambito del film di Yorgos Lanthimos, quest'ultimo non vince il premio come regista perché lo vince Alfonso Cuaron per la regia di Roma (film che com'era prevedibile vince il premio per il miglior film straniero), che batte anche Spike Lee, che senza dubbio meritava il premio, ma per fortuna che uno lo vince grazie alla "sua" sceneggiatura non originale di Blackkklansman. In tal senso se c'era un film "nero" ad essere più premiato, doveva essere proprio quest'ultimo e non "Wakanda forever". Insomma un pizzico di delusione c'è, a tal proposito prima di esporre le suddette (altrettante) delusioni, che non potrebbero comunque competere con le cocenti frustrazioni di film che avendo ricevuto 2, 3, 4, 6 o addirittura 8 candidature non hanno portato niente a casa (eccetto in alcuni casi, seppur con un solo premio all'attivo), ecco la lista di tutti i vincitori della serata, la serata dei 91esimi Academy Awards (sottolineato il mio pronostico).

Miglior film

Black Panther
Blackkklansman
Bohemian Rhapsody
La favorita
Green Book
Roma
A Star Is Born
Vice

Migliore regia

Spike Lee – Blackkklansman
Pawel Pawlikowski – Cold War
Yorgos Lanthimos – La favorita
Alfonso Cuarón – Roma
Adam McKay – Vice

Migliore attore protagonista

Christian Bale – Vice
Bradley Cooper – A Star Is Born
Willem Dafoe – Van Gogh – Sulla soglia dell'eternità
Rami Malek – Bohemian Rhapsody
Viggo Mortensen – Green Book

Migliore attrice protagonista

Yalitza Aparicio – Roma
Glenn Close – The Wife
Olivia Colman – La favorita
Lady Gaga – A Star Is Born
Melissa McCarthy – Copia originale

Migliore attore non protagonista

Mahershala Ali – Green Book
Adam Driver – Blackkklansman
Sam Elliott – A Star Is Born
Richard E. Grant – Copia originale
Sam Rockwell – Vice

Migliore attrice non protagonista

Amy Adams – Vice
Marina de Tavira – Roma
Regina King – Se la strada potesse parlare
Emma Stone – La favorita
Rachel Weisz – La favorita

Migliore sceneggiatura originale

La favorita
First Reformed
Green Book
Roma
Vice

Migliore sceneggiatura non originale

La ballata di Buster Scruggs
Blackkklansman
Copia originale
Se la strada potesse parlare
A Star Is Born


Miglior film straniero

Cafarnao (Libano)
Cold War (Polonia)
Never Look Away (Germania)
Roma (Messico)
Un affare di famiglia (Giappone)

Miglior film d'animazione

Gli incredibili 2
L'isola dei cani
Mirai
Ralph Spacca Internet
Spider-Man: Into The Spider-Verse

Migliore fotografia

Cold War
La favorita
Never Look Away
Roma
A Star Is Born

Miglior montaggio

Blackkklansman
Bohemian Rhapsody
La favorita
Green Book
Vice

Migliore scenografia

Black Panther
La favorita
First Man
Il ritorno di Mary Poppins
Roma

Migliore colonna sonora originale

Black Panther
Blackkklansman
Se la strada potesse parlare
L'isola dei cani
Il ritorno di Mary Poppins

Migliore canzone

"All the Stars" in Black Panther
"I'll Fight" in RBG
"The Place Where Lost Things Go" in Il ritorno di Mary Poppins
"Shallow" in A Star is Born
"When a Cowboy Trades His Spurs for Wings" in La ballata di Buster Scruggs

Migliori effetti visivi

Avengers – Infinity War
Christopher Robin
First Man
Ready Player One
Solo: A Star War Story


Miglior sonoro

Black Panther
Bohemian Rhapsody
First Man
Roma
A Star Is Born

Miglior montaggio sonoro

Black Panther
Bohemian Rhapsody
First Man
A Quiet Place
Roma

Migliori costumi

La ballata di Buster Scruggs
Black Panther
La favorita
Il ritorno di Mary Poppins
Maria di Scozia

Miglior trucco e acconciatura

Border
Maria di Scozia
Vice

Miglior documentario

Free Solo
Hey Country This Morning, This Evening
Minding The Gap
Of Fathers and Sons
RBG

Miglior cortometraggio documentario

Black Sheep
End Game
Lifeboat
A Night At The Garden
Period. End of Sentence.

Miglior cortometraggio

Detainment
Fauve
Marguerite
Mother
Skin

Miglior cortometraggio di animazione

Animal Behaviour
Bao
Late Afternoon
One Small Step
Weekends

Ancora una volta quindi la nostra amica Amy Adams ha dovuto veder altre vincere, il premio come miglior attrice non protagonista infatti, va non alle "favorite", ma a Regina King, che da film commerciali di serie B si ritrova nell'olimpo dei vincitori grazie alla sua interpretazione in Se la strada potesse parlare (che ora sicuramente direbbe complimenti alla King...). Non va meglio al sempre un po' bistrattato Wes Anderson, con la sua bistrattata tecnica in stop motion, qui utilizzata per L'isola dei cani (non dimenticando che i film orientali d'animazione come Mirai vengono sempre dimenticati), che vede vincere sotto i suoi occhi come miglior film d'animazione il "nuovo" Spiderman, che tuttavia a quanto pare non sarebbe affatto male. Un po' strano invece (anche se l'avevo pronosticato) il premio come miglior fotografia (bianco e nero di una semplicità disarmante) a Roma di Alfonso Cuaron, il vero comunque vincitore di questa edizione con la sua tripletta. A tal proposito al comando alla fine ci sarà Bohemian Rhapsody con 4, Roma, Green Book e Black Panther 3, e gli altri 7 a quota uno. Tra questi Vice, che si deve accontentare del simil trucco e acconciatura che fece vincere l'Oscar a L'ora più buia, stavolta a "sacrificarsi" è Christian Bale, nel film ovviamente irriconoscibile. Infine, lasciando stare delusioni e quant'altro, nelle 4 categorie meno "importanti", documentario, miglior cortometraggio documentario, cortometraggio e cortometraggio di animazione, da segnalare in quest'ultima la vittoria "facile" della Pixar con Bao, che tuttavia a mio modesto parere era il più banale dei 5. E detto questo non mi rimane quindi che dare appuntamento all'anno prossimo, sperando che molti dei film qui citati non mi deludano troppo e che non per caso siano finiti a contendersi l'Oscar, ma lo saprò quando li vedrò tutti, attendete fiduciosi se volete sapere cosa ne penso.

22 commenti:

  1. Peccato che Ready Player One non abbia vinto l'oscar agli effetti visivi. Sono felice invece della vittoria di Green Book, me ne hanno parlato benissimo anche amici non blogger.
    "A Star is born (che fortunatamente di premi non ne ha vinti altri)": ahahah, condivido in pieno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna essere obbiettivi, A star is born di più non ne poteva vincere a parte quel premio direi invece abbastanza meritato ;)
      Capirò quando lo vedrò se giusta è questa sua vittoria, mentre so già che gli effetti visivi RPO non aveva eguali, forse proprio Avengers: Infinity War, ma sono stati entrambi trombati...

      Elimina
    2. Ready player one poteva vincere tutto ;)

      Elimina
    3. Effettivamente, anche perché poi, da quello che ho visto dal trailer, è il film che stavo aspettando da sempre ;)

      Elimina
  2. Non ho visto molti di questi film, sia chiaro. Quasi nessuno.
    Ma leggendo in giro (anche voi blogger) la mia idea è che questa volta abbiano voluto accontentare un po' tutti, tenendosi sul giusto.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sia chiaro, non avevo dubbi a tal proposito, sia riguardo a te che all'Academy..

      Elimina
  3. Che poi dappertutto vedo foto di Lady Gaga con l'Oscar, sembra quasi che l'abbia vinto lei quello per la migliore attrice, invece l'ha "solo" vinto per la miglior canzone, che negli anni hanno vinto cani e porci :D

    RispondiElimina
  4. A me è dispiaciuto sopratutto per la povera Glenn Close,sette candidature (voglio dire 7 candidature) senza nemmeno una vittoria è qualcosa di scandaloso, certo sono convinto che i vertici dell'Academy per farsi ipocritamente perdonare le assegneranno un premio alla carriera (come hanno fatto decine di volte per rimediare alle loro "sviste") però questo non leva l'amaro in bocca per tante troppe di queste "sviste", con questo non voglio togliere nulla alla pur ottima Olivia Colman, però qualcosa nei criteri dell'Academy dovrebbero cambiare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco cosa intendi, ma non potevano mica assegnarlo solo perché aveva sul groppone già 6 candidature a vuoto, probabilmente questa volta, o almeno così spero, la Colman ha offerto un'interpretazione complessiva migliore ;)

      Elimina
    2. Concordo con Nick. È indecente il trattamento riservato a Glenn Close.

      Elimina
  5. Premio speciale a te che ieri ti sei sorbito tre ore di cerimonia.
    Io non avrei resistito più di dieci minuti.
    Bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In verità mi sono sorbito due ore e mezza, perché ogni tanto col mio MySky andavo avanti, durava tre ore e mezza in totale...quello che si che sarebbe stato troppo ;)

      Elimina
  6. Sicuramente vedrò i film che hanno vinto più Oscar: Roma, Green Book e Black Panter. Per il resto aspetterò comodamente in poltrona che passino su Sky.
    Ho visto ieri sera la versione ridotta della serata. Mi è piaciuta soprattutto Julia Roberts. Lei non delude mai.
    Lady Gaga era oscena. Viggo superbo. Spike Lee sopra le righe. Nel complesso una serata ni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo ho già visto Black Panther e sono rimasto sorpreso in negativo, spero andrà meglio con gli altri tuoi citati, ed ovviamente con tutti quegli altri che certamente vedrò anch'io su Sky ;)
      Non avevo tempo di aspettare la versione ridotta, così ho visto quella completa, fortunatamente ridotta da me, ed ho visto praticamente tutto, da Julia a Viggo, da Spike Lee e Lady Gaga, da i Queen (straordinari) al bellissimo In Memorian :)

      Elimina
  7. Da che ho memoria è l'edizione che mi abbia interessato di meno. Un po' dalle candidature, un po' dall'andazzo che sembra aver preso da qualche anno, dove i discorsi politici sembrano aver preso il sopravvento sul cinema stesso.
    E comunque, ho smesso di considerare gli Oscar da tanto, servono se non altro ad accendere la luce su qualche titolo che non conosco o che spero valga la pena di vedere.
    Ormai faccio fatica anche a capire l'assegnazione dei premi tecnici...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su questo ti posso dar ragione, che purtroppo l'Oscar stia diventando più una questione politica che altro, che certi premi non si capisce con che criteri vengono assegnati, però almeno nel 70% dei casi sono film davvero belli da vedere ;)

      Elimina
  8. Sorprese a non finire e un po' di delusione...
    Archiviamo questa notte degli Oscar 2019, che è meglio e pensiamo alla stagione che si apre...
    Amy Adams rischia di diventare la nuova Glenn Close😂😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo sì, e mi dispiace tanto per lei ;)
      Come ogni anno dopotutto, sorprese e delusioni, anche perché non facilissimo mettere tutti d'accordo :)

      Elimina
  9. Io la vittoria di Rami Malek me l'aspettavo ed era meritatissima, non ho visto gli altri film ma avrei scommesso anche sulla vittoria di Bohemian, quindi sono rimasta sorpresa del colpo di scena, anche se Green Book tutti lo stanno recensendo benissimo e ci sarà un buon motivo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente ci sarà un buon motivo, e non vedo l'ora di scoprirlo ;)
      E su Bohemian Rhapsody idem :)

      Elimina