mercoledì 20 febbraio 2019

Solo: A Star Wars Story (2018)

Circa due anni e mezzo fa ne Il Risveglio della Forza, abbiamo visto morire Han Solo, interpretato da Harrison Ford, trapassato dalla spada laser cruciforme del figlio Ben (Kylo Ren). Se nel film diretto da J.J. Abrams il sipario della vita si chiudeva su questo personaggio, con Ron Howard torniamo invece alla scoperta delle sue origini. Solo: A Star Wars Story, film di fantascienza del 2018 diretto appunto da Ron Howard, è infatti una origin story, una di quelle storie che raccontano al pubblico come un personaggio noto è diventato quello che conosciamo (in pratica, il Ritratto dell'Eroe da Giovane), ma è soprattutto parte di un piano commerciale di espansione, iniziato un anno e mezzo fa con il più riuscito Rogue One (che aveva il coraggio di un finale tragico ed eroico), difatti da quando la Disney, dopo il vasto universo Marvel, ha inglobato anche il franchise di Guerre Stellari alias Star Wars, nel dichiarato intento di monetizzare il costosissimo acquisto, ha inaugurato, accanto alla terza trilogia legata alla saga degli Skywalker e ai Jedi, una serie di progetti "collaterali". Progetti in cui se allora i personaggi, a parte qualche cameo, erano sconosciuti, solo tangenzialmente coinvolti nelle vicende principali della saga, qui l'eroe titolare è Han Solo, uno dei tre personaggi principali della trilogia originale, indissolubilmente legato per la prima generazione di spettatori alla faccia da schiaffi di Harrison Ford. In tal senso era un po' giocoforza che del terzetto si andasse ad esplorare il contrabbandiere stellare, quello che nonostante la giovane età poteva dare l'idea di avere un "passato". Peccato che il difficile compito di non far rimpiangere il precedente interprete si posi sulle spalle di Alden Ehernreich (in Ave Cesare! dei fratelli Coen era l'amabile/irritante cowboy che storpiava ripetutamente le battute di una commedia sofisticata), che non riesce proprio a convincere sia per mimica facciale che per movenze. Peccato soprattutto che, la storia scritta dagli sceneggiatori, ma anche gli altri personaggi di contorno (compresa la prima "fidanzatina" di Han, Qi'ra), si accontentino di sfruttare onesti stereotipi di un genere avventuroso su cui, superata la meraviglia per le belle sequenze di azione e qualche invenzione visiva, pesa un po' la tendenza al didascalico e la vocazione commerciale dell'operazione.

Il risultato è un film come un altro, che non prova emozione di fronte a passaggi che dovrebbero essere iconici e appassionanti, risultando a tratti freddo. Da una parte non si lascia andare all'atmosfera giocosa e brillante di Star Wars, dall'altra ha una trama così didascalica ed elementare che risulta ancor più infantile dei predecessori. In Solo: A Star Wars Story c'è tutto quello che ci dovrebbe essere in un film di puro intrattenimento: azione, inseguimenti, sparatorie, momenti ironici, guerre stellari. Quello che manca, e non è certo una cosa di poco conto, è una storia che appassioni il pubblico e che si regga da sola sulle proprie gambe per tutte le oltre due ore di durata. Il film, infatti, appare frammentato, senza una ben precisa continuità narrativa. Solo: A Star Wars Story è una genesi prevedibile e banale, che non può mirare a fare giustizia al personaggio iconico che racconta. Solo: A Star Wars Story non solo è un film che sbaglia, ma quel che è peggio, lo fa per difetto, per mancanza di ambizione, per meccanicità dell'azione. Solo: A Star Wars Story però, non è un brutto film, anzi, ha dei passaggi interessanti, un discreto ritmo e più in generale un incedere che intrattiene dall'inizio alla fine. Il problema di Solo sta nel suo essere eccessivamente "scolastico", portando su schermo in maniera piuttosto asciutta e consequenziale i vari momenti chiave del film, legandoli tra loro senza quella voglia di osare o proporre qualcosa in grado di catturare la magia del franchise. Manca una vera e propria anima a questo film, qualcosa in grado di folgorare e restare impresso. Tutto scorre in maniera piuttosto timida, vacillando tra momenti action e il comedy in maniera confusa. Gran parte di questi problemi, di un film che racconta di come dopo la caduta della Repubblica, i sistemi sempre più nel caos, a causa dell'impero, danno inizio ad un periodo di oscurantismo nella galassia, sono anche da ricercare all'interno di un cast che tolti forse i personaggi di Lando Calrissian (Donald Glover) e Dryden Vos (Paul Bettany), non riescono mai ad emergere per carisma. Peccato soprattutto per Woody Harrelson e il suo Tobias Beckett, un personaggio molto interessante ma in parte limitato da una sceneggiatura che non riesce a valorizzarlo nel modo corretto, l'impegno da parte dell'attore però si è visto.
Bocciato invece lo Han Solo di Alden Ehrenreich che come già anticipato non riesce proprio a convincere sia per mimica facciale che per movenze. Il suo giovane Han, che nel caos l'unica cosa che vuole è diventare il più grande pilota della galassia e scappare con la ragazza che ama da una società sempre più oppressa dalla malavita, egli che dopo aver tentato la fuga e il rapimento della sua amata, sempre più deciso a liberarla, si arruola, facendo la conoscenza dell'inseparabile amico Chewbecca e di Tobias Beckett (figura di mentore per l'eroe, che gli fornirà gli strumenti in grado di affrontare la sua nuova vita), e che grazie alle sue capacità e alla furbizia, riuscirà a sottrarre il Millenium Falcon al giovane Lando Callrisian, dando inizio al viaggio dell'eroe, entrando in un mondo, dove la fiducia e le sicurezze di quest'ultimo, vengono messe a dura prova, è asettico. Perché colpa o no dello script (che presenta alcune fastidiose forzature che, accanto a colpi di scena comunque ben calibrati, provocano dei climax e dei rovesciamenti troppo repentini), in generale rimane un no abbastanza convinto per il ragazzo. Non sorprende neanche Emilia Clarke nel ruolo della conturbante Qi'ra (peggio andrà a Thandie Newton, senza voto). A livello visivo invece, il titolo mostra dei momenti interessanti sotto l'aspetto della fotografia e delle inquadrature (e qui la mano del regista si sente eccome, regista che piazza comunque due o tre sequenze memorabili, dirette con mestiere e montate con buon ritmo) ma in linea generale, anche in questo caso, ci troviamo davanti ad una serie di momenti che creano il giusto grado di tensione, ma tenendo sempre ben distaccato lo spettatore da quello che sta osservando. Non c'è pathos, drammaticità, esaltazione. La colonna sonora poi, ad opera di John Powell non depone a favore del film, risultando piuttosto anonima nelle nuove sonorità. E a questo punto sono sicuro che vi starete chiedendo "come fai a dire che non sia un completo disastro?". La risposta è piuttosto semplice: c'è intrattenimento. Nei difetti palesi sopra esposti c'è comunque una certa fedeltà all'universo di Star Wars, ma anche una serie di momenti action ben realizzati.
Ci sono soprattutto, l'incontro tra "Chube" e Han o la prima salita a bordo del Millenium, momenti che fanno davvero piacere ai fan (in tal senso se siete tra coloro che sono alla ricerca del passato dell'eroe, sotto questo punto di vista non rimarrete sicuramente delusi). E tuttavia non si può non rimarcare i precedenti difetti nuovamente ora. Proprio perché, sebbene presenti tutti gli ingredienti tradizionali dei grandi cult del passato, Solo: A Star Wars Story è una pellicola riuscita parzialmente, abile ad intrattenere e a divertire ma che non convince: con un buon cast di personaggi secondari e un protagonista a volte altalenante, l'episodio firmato dal comunque sempre grande Ron Howard (che regala comunque allo spettatore un western in salsa intergalattica con una buona dose di umorismo, un film che lascia intravedere qualche possibilità per un capitolo successivo, non tutto appare concluso, anzi, il finale sembra proprio presagire un seguito) è sicuramente piacevole, ma nettamente inferiori ai due capitoli della nuova trilogia (e forse anche a tutti gli altri, sì anche ai primi tre capitoli, quelli che tutti vorrebbero rinnegare). Manca soprattutto l'incombere di un villain iconico come Dart Fener o il fascino esoterico dei Jedi, per rendere la storia memorabile. A Solo: A Star Wars Story manca il salto nel vuoto e la voglia di cavalcare il mito, riducendosi a spettacolo di sequenze mozzafiato (nemmeno troppo originali) e tratteggiando il carattere del suo protagonista in maniera infantile. Come infantile risulta un po' l'intera operazione, ma non per questo meno efficace. Il film, procede spedito verso l'epilogo tra inseguimenti e romanticismi gratuiti senza mai trovare una chiave di lettura personale, ma offrendosi allo spettatore in maniera del tutto sincera. Dalla storia di chi "non sapeva stare alle regole" però, ci si aspettava qualcosa di diverso. La vicenda tenta anche qualche affondo "politico", tra le rivendicazioni dei diritti degli androidi della copilota di Lando, e, nel finale, l'accenno alla lotta appena intrapresa contro la forza combinata di imperiali e di malvagie multinazionali del crimine, ma va detto che l'operazione di critica sociale suona un po' forzata.
E tuttavia non un film senz'anima o invenzione, e con il lusso della regia solida di Ron Howard (subentrato ai precedenti registi a lavorazione iniziata) e di un cast di contorno che sfoggia i soliti ottimi comprimari, ma di certo una pellicola meno ispirata e sorprendente di Rogue One. In Solo: A Star Wars Story manca un elemento importante: l'approfondimento, la trama e le storie dei personaggi presenti non vengono approfonditi. È già tanto che qualcosa si intuisca da certi sguardi, soprattutto per quanto riguarda le relazioni tra i protagonisti della storia. Una storia prevedibile sotto molti punti di vista, a partire da quelli che dovrebbero rappresentare i veri colpi di scena della pellicola. Ma il regista non riesce nell'intento di colpire il pubblico. Non riesce a renderlo partecipe e a far sì che si emozioni neppure durante le scene d'azione, che dovrebbero essere invece il centro d'interesse. In Solo: A Star Wars Story non mancano le scene toccanti, anche se, appunto, non toccano le corde più profonde del pubblico, che in determinati momenti vorrebbe provare empatia per i personaggi coinvolti in alcune dinamiche, ma anche provandoci non ci riesce. Per quanto riguarda gli effetti speciali (candidati agli Oscar), non sono suggestivi, ma anzi deludono. E tuttavia, se il film viene preso per quello che è: un nuovo sguardo su un universo che amiamo, un buon film d'intrattenimento di Star Wars (il suo mondo, con citazioni e riferimenti all'universo espanso, anche se manca un po' di misticismo oltre che di spade laser, c'è), un film gradevole nel complesso, anche se di ritmo alquanto altalenante (ha un inizio elettrizzante, perde qualcosa in seguito per poi rifarsi nella seconda parte in cui assistiamo alla vera e propria crescita di Han). A conti fatti non è un brutto film ma è comunque (rispetto a tutti gli altri) uno Star Wars sbiadito e impaurito, che non osa e non fa galoppare l'immaginazione. Si può vedere, anche con un certo piacere, ma ci vuole ben altro per continuare ad alimentare il mito di Han, Leia e Luke. Infatti il film non rispecchia le alte aspettative di chi le vere emozioni le ha provate con "Rogue One" e altri film della saga, ed è un peccato, perché di molto meglio fare si poteva. Voto: 5,5

22 commenti:

  1. Aver licenziato Phil Lord e Christopher Miller è stato un suicidio artistico per la Disney, loro ci avrebbero regalato un "Le avventure del giovane Han Solo" memorabile. Questo invece, è già quasi stato dimenticato, al massimo ricordato come poca cosa. Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente sì, sarà stato quello il problema, giacché questo film è persino dimenticabile, cosa che un film di Star Wars non dovrebbe mai essere.

      Elimina
  2. Mi sa che sei stato persino generoso. Io l'ho trovato persino peggiore di Episodio I. Lì almeno c'era una trama, attori capaci e la voglia di raccontare qualcosa. Qui era più un "facciamolo perché boh".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considerando che io nonostante tutto ho apprezzato, seppur sufficientemente, i primi tre episodi, questo è comunque il peggiore di tutti, l'ho anche scritto, ma sai cattivo lo sono raramente ;)

      Elimina
  3. Ho sempre detestato tutto quello che aveva a che fare con Star Wars.
    Quando poi ho scoperto che le clone-bloggers lo considerano quasi una Bibbia, ancora peggio.
    Quindi perdonami, ma non ho letto il tuo post.
    L'immagine iniziale mi basta e mi avanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo ci volesse un indovino per sapere che non gradivi Star Wars! :D
      No problem, ti capisco, e mi basta anche solo questo commento ;)

      Elimina
    2. Ormai Claudia è appagata da Un'avventura...che come fantascienza - capisci bene - da' una pista a tutti!! ahahah

      Elimina
    3. Ahahah
      Cattivo! Ma quella è stata come una serata al karaoke.
      Io adoro cantare.. 😜

      Elimina
    4. Ed io adoro sentirti, canta quanto vuoi ;)

      Elimina
  4. Voto bassino.
    Io non sono fan di questa saga, ma Rogue One in effetti mi sembra il migliore tra le side-stories SW che sono uscite.
    Insomma, sembra che questo Solo sia messo lì giusto per monetizzare col brand, dando qualcosina ai fan ma poi... alla fine cosa resta?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poteva essere anche più basso se non fosse che a Star Wars si vuol comunque bene a prescindere ;)
      Ne sono usciti due, e a Rogue One gli detti 8-, capisci quindi cos'è questo film, un'operazione mal riuscita.

      Elimina
  5. Sono d'accordo con te. Un vero peccato perché aveva ottime potenzialità ma invece si è preferito rimanere sul sicuro con una trama fissa su paletti invalicabili e poco coinvolgente (adesso si fa vedere come ottiene la pistola, dopo l'incontro con Chube ecc).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, ottime potenzialità sprecate, perché anche se dovevano per forza inserire certi elementi, avevano la possibilità ma non l'hanno sfruttata di sbizzarrirsi con l'immaginazione.

      Elimina
  6. Io non capisco perché la gente continui a parlare di "saga" come se i film fossero coerenti.

    Ci sono notoriamente tre periodi, il primo di Episodi IV, V e VI, (la storia di Luke) il secondo di Episodi I, II e III (la storia di Anakin) e il terzo, l'era Disney, che fino ad ora ha prodotto dei film che non c'entrano assolutamente niente con i primi due periodi e che anzi, hanno volutamente cercato di sovrascriverli, con esisti catastrofici. Un capitolo a parte è lo "spinoff" di Rogue One, che si colloca "storicamente" tra Episodio III e Episodio IV e che quindi è stato volutamente impostato tutto in una logica "retrospettiva", fino al punto di recuperare pezzi di girato originali e di innestare la battaglia aerea nell'orbita di Scarif con quella della IV luna di Yavin.

    Ora, la differenza principale tra questi film è che il primo gruppo è completamente dentro l'epica tradizionale di dame e cavalieri. Si tratta di una pura fiaba fantasy con una ambientazione vagamente sci-fi. Il secondo gruppo tende un po' all'esotismo barocco, più sullo stile avventuroso "pirati dei Caraibi", sempre con ambientazione vagamente sci-fi. Il terzo gruppo, l'era Dinsey, è invece completamente dentro il filone della propaganda politica. L storia serve solo come espediente per CITARE i temi del "politically correct" contemporaneo, gli stessi che troviamo nei siti dei famosi "giornaloni". Quindi i "diritti civili", le "minoranze", i "ruoli di genere", purtroppo resi con un fanatismo che finisce per esagerare e sfociare inevitabilmente nel GROTTESCO. Cosa che è resa maggiormente evidente considerando che parliamo di film di pura evasione, tra la fiaba e il fumetto, coi supereroi e i pupazzi.

    Quindi, riassumendo, i film dell'ultimo gruppo non vale assolutamente la pena di vederli. Per chi è cresciuto accompagnato dalla cultura pop generata dalla prima "trilogia" i film Disney sono fastidiosi, addirittura insultanti. Per chi non ama il genere o è giovane, i primi sono forse naive e questi sono velenosi, perché sono banalmente prodotti di propaganda e mi piacerebbe tanto risalire ai veri finanziatori della produzione.

    Postilla: ho detto che Star Wars non è "fantascienza" ma si tratta di una storia fantasy di dame e cavalieri. Qui bisogna dire che la "fantascienza", "Science Fiction" in inglese o "sci-fi", è un genere letterario che non si presta alla traduzione cinematografica perché per essere fruito richiede allo spettatore una competenza specifica, una cultura "di genere". Esistono poche eccezioni valide, nella maggior parte dei casi è necessaria una tale semplificazione per rendere il film comprensibile al pubblico generale che si perde la maggior parte degli elementi che danno senso alla storia.

    Ecco, nel caso di Star Wars invece degli elementi tipici del genere "sci-fi" in origine c'erano quelli del genere fantasy stile Tolkien, con ovvi riferimenti alla cinematografia di carattere "storico" (in particolare, storia romana) e al cinema di "guerra" (in particolare, guarra di corea). Col tempo questi elementi si sono progressivamente diluiti e nel periodo Disney sono stati VOLUTAMENTE rimossi perché non utili anzi controproducenti rispetto allo "storytelling" propagandistico che ho citato.

    Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, la storia di Solo è un western scialbo, che ancora non c'entra una fava con i primi due periodi.

      Il mondo dove nasce Anakin e dove vivrà sui figlio Luke non è la frontiera americana ma è una landa medievale, se vogliamo essere pignoli potrebbe essere da qualche parte in Terrasanta. I templari-jedi che trovano per caso Anakin stanno scortando la principessa di Naboo, che è vagamente bizantino e lo devono riscattare dalla schiavitù, con l'intermezzo di una corsa di bighe stile Ben Hur.

      Elimina
    2. Guarda, io posso solo dire che capisco il tuo punto di vista, ma nonostante le differenze mi sono sempre goduto tutti gli episodi, tranne appunto questo, che sì, ha davvero poco a che fare con tutto l'universo di Star Wars.

      Elimina
    3. Pietro, mi vuoi dire che i film della Disney "hanno a che fare" con l'universo di Star Wars?

      Io capirei se tu, per ragioni tue, preferissi l'universo Disney a quello dei due "periodi" precedenti. Se tu dicessi, "oh, finalmente si sono sbarazzati di tutto il ciarpame di Jedi contro Sith, Senato/Repubblica contro Impero, Alleanza Ribelle (un po' Indipendenza americana, un po' GI-Joe) contro Impero (un po' Inglese, vedi accento degli attori, un po' Germania nazista, vedi uniformi), eccetera" oppure se mi dicessi "oh, finalmente non ci sono i principi predestinati cresciuti in un porcile istruiti da vecchi maestri nobili decaduti, principesse vergini guerriere, scavezzacollo delinquenti loro malgrado ma dai nobili sentimenti, profezie, misticismo, templi, stregoni demoniaci con apprendisti assassini, cavalieri neri, duelli, imprese, draghi, eccetera".

      Quello che non puoi dire è che è UGUALE, perché è come mettere a confronto arance e banane.

      Il film su Solo è un filmettino, non inguardabile ma principalmente uno spreco di uno spunto che poteva anche dare vita ad uno spin-off interessante e invece è uscita una minestrina riscaldata con la pastina.

      Elimina
    4. Non ho detto uguale, ma nonostante le differenze, di tema, atmosfera e tutto, mi son divertito nel vederli, punto.
      E comunque non ho mai badato troppo a Jedi e quant'altro, sono un fan poco accanito, e tuttavia concordiamo sul fatto che questo film non sia venuto per niente bene, e va bene così.

      Elimina
    5. Ah, va bene.
      Pensavo che tu scrivessi recensioni con un minimo di ragion veduta. Certo se la logica è "mi sono divertito, punto", allora inutile spendere parole. Potresti scrivere recensioni di coltelli da cucina o di reattori nucleari allo stesso modo.

      Elimina
    6. Non sono mica un professionista, né giornalista né quant'altro, scrivo quello che voglio e come lo voglio, e se non ti piacciono le mie recensioni puoi semplicemente non leggerle.

      Elimina
  7. Per me stiamo ai livelli di Avengers & C... roba tutta uguale e bypassabile... visto uno, visti tutti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio uguale non è assolutamente, vabbè contento tu..

      Elimina