lunedì 5 agosto 2019

Keyhole (2011)

Tema e genere: Singolare thriller psicanalitico, un viaggio ipnotico ed onirico audace.
Trama: Il gangster Ulysses Pick (Jason Patric) torna a casa dopo una lunga assenza, trascinando con sé il corpo di una ragazza adolescente e un uomo legato e imbavagliato. La sua banda lo aspetta all'interno dell'abitazione ma, nonostante gli attriti sempre più evidenti tra i vari membri del gruppo, Ulysess ha in mente soltanto una cosa: raggiungere sua moglie (Isabella Rossellini), chiusa nella sua camera da letto al piano superiore. L'impresa è però più ardua del previsto e ogni angolo della casa nasconde imprevisti che riportano al misterioso passato della famiglia.
Recensione: Peggio non poteva cominciare la mia Promessa, quella cinematografica s'intende, perché mai mi sarei aspettato di vedere un film così brutto. Un film che per come si presentava, un'opera decisamente suggestiva, si è rivelata essere invece questa un'occasione in larga parte sprecata. È questa la sensazione di fronte a Keyhole, film che, lontanissimo dalla classica idea di cinema, non fa altro che snervare lo spettatore, per essere precisi ha snervato me. Il regista opta infatti per una struttura narrativa fortemente psicanalitica (forse troppo), in cui il protagonista (e lo spettatore stesso) è chiamato a compiere un complesso viaggio (mentale?) per raggiungere la stanza della propria amata, ma ogni angolo della casa nasconde un nuovo imprevisto. Lo spettatore segue però con affanno l'arrancare tra ricordi e (forse) sogni. Gli enigmi si accumulano fomentando un senso di impotenza e inquietudine, quest'ultima accresciuta dall'assillante e tetro tappeto sonoro, ma soprattutto un senso di stanchezza latente. Perché va bene che il regista canadese Guy Maddin (finora mai incontrato, e per fortuna ora direi) abbia una certa visione, da quello che so è pure tra i più apprezzati registi per le atmosfere oniriche dei suoi lavori, che abbia l'assoluta libertà di mostrare come meglio crede questi suoi "materiali" magmatici, resta ed è però questo, un film complesso e di difficile lettura, eccessivamente criptico e chiuso in un'autoreferenzialità "poetica" che difficilmente si lascia sciogliere. La casa che fa da sfondo alle vicende della famiglia Pick somiglia alla dimora infestata dai (primi) fantasmi di American Horror Story, ma i riferimenti linguistici sono ben altri, con un protagonista che si chiama Ulysses, interpretato da Jason Patric e un enigmatico io narrante che porta il nome di Calypso, non si impiega molto tempo a pensare all'Odissea di Omero come cardine attorno cui far ruotare il lungometraggio. A differenza del poema epico, però, qui non c'è il mare a rendere periglioso il viaggio dell'eroe, ma i piani e i differenti ambienti della sua grande casa, dove "approda" dopo una non meglio precisata assenza. La moglie Hyacinth (Isabella Rossellini) quasi un'ombra la sua presenza, vive rinchiusa in camera da letto, affiancata dal vecchio padre nudo (perché non si sa, almeno una tunica poi...) e in catene, struggendosi per la morte dei figli e per la lontananza del suo adorato figlio Manners. Ma soprattutto, a differenza di quel poema, la poesia e la potenza narrativa si perde. Infatti (come detto) la sceneggiatura si fa eccessivamente ambigua e macchinosa: il coinvolgimento iniziale è alto ma, col passare dei minuti (anche per via di un'ermeticità ricusante), il respiro inizia a cessare e si finisce col fiato corto. Le forti suggestioni visive di stampo vintage (affascinanti ma comunque fini a se stessi), in questo caso non bastano a nascondere i limiti di un copione irrisolto e incapace di mantenersi coerente fino in fondo. Peccato, per la pellicola stessa e per me, che forse non avrei dovuto vedere questo film, un film elegante da un certo punto di vista, ma furbo, astruso e masochistico dall'altra.

RegiaGuy Maddin, artista canadese da alcuni accostato addirittura a David Lynch, mostra gran talento e se ne compiace in modo seccante, lasciando intuire che gli interessa ben poco rendere accessibili al mondo le sue elucubrazioni distorte.
Sceneggiatura: Il ginepraio onirico è davvero intricato, un limbo frustrante in cui all'intuizione, alla presunta conoscenza, fa immediatamente seguito la beffarda indeterminatezza. Parrebbe una ghost story (molto) sui generis con deviazioni gangsteristiche, ma non si capisce cos'è e cosa vorrebbe dire.
Aspetto tecnico: Visivamente è molto affascinante, ma solo in parte, perché il bianco e nero dopo un po' stufa, in più alcune sequenze immaginifiche in verità sono molto difficili da sostenere. Non giudicabile tutto il resto, semplicemente perché non c'è. Comunque secondo me, senza aver in ogni caso nessuna esperienza e nessuna velleità, sarebbe stato più affascinante e migliore tutto con una visuale a colori con un'ambientazione però steampunk, che qui senz'altro ci stava, ma soprattutto con una migliore qualità "fantasmagorica", ovvero meno visibilità a questi fantasmi che gridano senza motivo. 
Cast: Ho visto il film con i sottotitoli, quindi ho potuto constatare con più efficacia le interpretazioni, che sono nella norma, tuttavia la scarsa valenza della pellicola si fa sentire anche in questo, tanto da trovar inutile la presenza tra gli altri (a parte i due protagonisti principali) di Kevin McDonald e di Udo Kier.
Commento Finale: Rompicapo di classe, sufficientemente recitato e sprofondato in atmosfere da vetusto noir, ma anche (e soprattutto) sfiancante e snob. E' un esperimento sì, alcune immagini riportano direttamente al grande cinema sperimentale americano degli anni '60, ma sbagliati sono gli ingredienti, almeno per me. Cioè apprezzo il genere, questo genere di lavori, ma così è troppo.
Consigliato: Per me è no, ma se proprio vi volete sacrificare è preferibile vederlo a mente stra-stra-rilassata (e felice, la botta è forte, e potrebbe esserla anche per il più accanito dei cinefili).
Voto: 3

2 commenti:

  1. Ahahah
    Non l'hai stroncato, di più.
    Ogni volta che parli della tua promessa penso che hai deciso di sposarti.
    Non farlo mai, ascolta il consiglio di un'amica. :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stavolta proprio non l'ho retto!
      Sono già sposato con "La Vecchia Signora" :D

      Elimina